F-DUCT ALL'ALA ANTERIORE PER LA MERCEDES

0

Durante le prove libere in Corea, la Mercedes ha collaudato un’inedita ala anteriore in previsione 2012. A differenza di quella usata dalla Ferrari, quest’ala presentava un concetto completamente innovativo: cercare di realizzare un alettone anteriore sfruttando il concetto dell’F-DUCT.Come sappiamo, l’F-DUCT attivo, cioè attivabile dal pilota all’interno dell’abitacolo, è stato bandito dal regolamento tecnico a partire dalla stagione 2011. In Mercedes stanno cercando di configurare, invece, un alettone anteriore con F-DUCT passivo e quindi completamente in regola con il regolamento tecnico. A differenza della McLaren che aveva pronto tale sistema già a fine 2009, ma ha aspettato la stagione 2010 per installarlo sulle proprie monoposto, in Mercedes hanno deciso di collaudarlo in pista già in questa stagione  per cercare di capire se è una soluzione valida su cui costruire l’intera monoposto 2012.

L’ ‘F-DUCT funziona secondo un principio abbastanza semplice da dire ma molto difficile da mettere appunto: l’aria viene convogliata ad una particolare angolazione sul profilo del flap, interferendo con l’aerodinamica e mandando in stallo l’ala.  Nel caso dell’ala della Mercedes la presa d’aria da cui entra l’aria è quella al centro del muso, divisa in due per poter convogliare tramite piccole canalizzazioni  interne l’aria all’interno dei piloni di sostegno. Da qui l’aria scende e va a colpire direttamente il profilo principale. Guardandolo l’alettone da sotto si può notare bene che in prossimità del punto 1 sul disegno, la feritoia non è nel flap ma nelle porzioni del profilo principale esterne alla zona centrale . che per regolamento deve essere neutra ed uguale per tutte le monoposto per una larghezza di 50 cm

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui