Tecnica F1: RedBull con un nuovo fondo e la PU Honda Spec 1.1

0

Tecnica F1: RedBull con un nuovo fondo e la PU Honda Spec 1.1

Dopo Mercedes e Ferrari, anche Red Bull è tornata in pista in attesa dell’inizio della stagione 2020 di Formula 1 che avverrà tra poco più di una settimana, il prossimo venerdì, sul circuito di Spielberg. La squadra anglo-austriaca ha infatti utilizzato quest’oggi il secondo filming day di 100 km concesso dalla Fia. Come Racing Point, anche il team di Milton Keynes è sceso in pista a Silverstone con la vettura di quest’anno, la RB16.

Al volante della promettente vettura anglo austriaca il solo Alex Albon, poiché le restrizioni inglesi dovute al Coronavirus non hanno permesso a Max Verstappen di scendere in pista; l’olandese, residente a Montecarlo, avrebbe dovuto arrivare in Inghilterra ben due settimane fa dovendo sottostare ad una quarantena obbligatoria di 14 giorni.

Un “nuovo” svezzamento per una RB16 che porterà in pista, in Austria, molte novità tecniche. Alcune di queste, tra cui un nuovo fondo, sono state provate quest’oggi dal pilota britannico. Cosi come in Messico, ormai quasi due stagioni orsono, Red Bull ha deciso di copiare ciò che Ferrari per prima aveva portato in pista nel Gran Premio di Austin della stessa stagione (2018). Osservando la fotografia in basso, si può ben vedere come siano presenti sulla RB16 che ha girato quest’oggi a Silverstone una serie di deviatori nella parte centrale e terminale di un fondo che è stato comparato con quello utilizzato nella sei giorni di test del Montmelo. Questi deviatori hanno il compito di generare ulteriori vortici che aiutano ad allontanare dal corpo vettura il vortice Y250, onde evitare che possa fare dei danni nella parte centrale e nel retrotreno della monoposto.

Oltre a ciò, a bordo della RB16 era già montata l’evoluzione 1.1 della Power Unit Honda che i giapponesi sono riusciti a preparare per l’inizio del mondiale, seppur i piani pre Covid-19 prevedevano l’utilizzo in Austria della Spec 2 e più avanti di una successiva specifica (Spec 3). Novità principalmente nella parte endotermica, con miglioramenti effettuati principalmente per migliorare l’affidabilità dell’unità motrice.

Autore: PG Tech – @smilextech

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui