sabato, Luglio 20, 2024

Brawn sul caso Racing Point: “Copiare è normale in Formula Uno”

Brawn sul caso Racing Point: “Copiare è normale in Formula Uno”


Continua a far discutere all’interno del paddock il caso Racing Point. La Renault ha presentato ieri una seconda protesta legata all’utilizzo delle prese d’aria dei freni, molto simili a quelli appartenenti alla Mercedes 2019. Chiarimento uguale in tutto e per tutto a quello già richiesto al termine del Gp di Stiria sempre dalla stessa Renault. Per tale motivo i commissari ungheresi hanno ritenuto non necessario mettere nuovamente i sigilli alle soluzioni incriminate e hanno convenuto, insieme ai responsabili del team francese e della Racing Point, che l’esito che produrrà la prima inchiesta avrà valenza sia per il Gp di Stiria che per il Gp d’Ungheria.

Ma perché la squadra della losanga insiste proprio su questa soluzione? Fino al 2019, le prese dei freni anteriori facevano parte del pacchetto che i produttori di motori potevano fornire ai clienti, mentre da quest’anno ogni team se le deve andare a progettare e produrre da sé. A chiarire maggiormente la situazione ci ha pensato Ross Brawn (direttore sportivo della Formula Uno) attraverso la pubblicazione del proprio pensiero sulle colonne ufficiali della categoria:In F1 copiare fa parte della normalità. Ogni squadra ha, in tempi normali, fotografi digitali nella corsia dei box che scatta migliaia di foto ad ogni auto, al fine di copiare le idee migliori. Ai miei tempi fornivamo ai nostri fotografi la lista della spesa”.

Racing Point non si è accontentata ed è passata alla fase successiva svolgendo un lavoro più approfondito. Non c’è un solo team in questo paddock che non abbia copiato qualcosa da un altro. Se venisse chiesto ai direttori tecnici di alzare una mano qualora non avessero nessuna soluzione copiata sulla loro auto vi garantisco che non si vedrebbe alcuna mano alzata. Tutti copiano qualcosa da altri”. Fin qui tutte ‘banalità’ o frasi di rito. Quello che dice Brawn è vero, però mai nessuno si era spinto nel voler fare una copia total-body fino adesso, o almeno nell’ultimo periodo. Una copia anche ben riuscita tra l’altro.

Brawn sul caso Racing Point: "Copiare è normale in Formula Uno"
Lance Stroll giunge quarto nel Gp d’Ungheria 2020

Tuttavia, mentre finora si scherzava anche ironicamente su quanto fossero bravi i fotografi della squadra di Lawrence Stroll, la seconda parte delle dichiarazioni del direttore sportivo ci fa cogliere un altro aspetto della situazione: Lo scorso anno la Racing Point poteva usare in tutta libertà i condotti dei freni Mercedes perché non erano compresi nella lista delle parti elencate. Quest’anno, i condotti dei freni sono parti elencate, quindi è necessario progettarle in proprio”. E fin qui ci siamo no? È per questo motivo che la Renault ha chiesto opportune verifiche.

Ma andiamo avanti: “Ciononostante, Racing Point non può dimenticare il know how acquisito utilizzando le specifiche Mercedes nel 2019 i tecnici non le hanno solo fotografate… Le hanno toccate con mano. Penso che sia illogico pensare che possano cancellare tutti i dati raccolti. Quello che gli esperti FIA stanno cercando di risolvere è un problema complicato”. Questo spiegherebbe tante cose… Ovviamente la cosa che dà più nell’occhio, soprattutto dall’esterno, è vedere quanto la RP20 sia simile alla W10 nei disegni per esempio dell’ala anteriore, dei bardgeboard… E in tal caso avrebbe dovuto per forza di cose contare solamente su delle foto per la realizzazione. Nel caso invece dei condotti de freni, avendoceli avuti proprio sotto mano, avrebbe potuto, non si vuole dire facilmente, ma con molta più possibilità di successo, effettuare una copia ben fatta e funzionante.

Otmar Szafnauer, team principal Racing Point

Poi c’è anche il punto di Otmar Szafnauer (team principal Racing Point), che nonostante la doppia protesta Renault, è sempre convinto della legalità delle parti finite sotto la lente d’ingrandimento, soprattutto considerando la miriade di disegni a testimonianza di tutta la fase di progettazione: È impossibile che i condotti siano giudicati illegali. Per la loro realizzazione abbiamo impiegato molto tempo” ha riferito alla sezione americana di ‘Motorsport.com’. “Sono molto, molto complicate… Abbiamo 886 disegni che riguardano individualmente i condotti dei freni.

“Dopo che la FIA ci ha avvisato che avrebbero effettuato delle indagini sui nostri processi di ricerca e sviluppo, sono venuti da noi in fabbrica, hanno guardato i disegni, analizzato le varie fasi e controllato il lavoro svolto al CFD e in galleria del vento. Hanno impiegato due giorni per capire come siamo arrivati alla soluzione montata in vettura. Al termine del controllo erano soddisfatti. Con i commissari questo non puoi farlo. Devi portare loro i dati e spiegare loro a parole su carta e immagini cosa hai fatto” quando l’ho letto mi ha ricordato tanto una presentazione in ‘PowerPoint’… “È un processo che richiede più tempo. L’unica ragione per cui sono frustrato è che so il lavoro che c’è stato dietro. Quindi la soluzione è legale”.

Brawn sul caso Racing Point: "Copiare è normale in Formula Uno"
Sergio Perez, Hungaroring, stagione 2020

“Il resto del mondo non lo sa ancora perché dobbiamo divulgare ancora il tutto ai commissari. Ne avevamo parlato con la FIA e la Federazione era convinta della nostra legalità. La riflessione di Brawn unita a quella di Szafnauer aprono la via ad un unico scenario: difficile pensare che possano essere giudicate illegali a questo punto. Ovviamente aspettiamo il verdetto ufficiale, ma si farebbe fatica a contemplare una decisione diversa da questa sinceramente.

Nel frattempo, indice del fatto che la Racing Point creda fermamente nel proprio lavoro, in fabbrica non si sono preparate delle soluzioni alternative e dopo aver utilizzato la specifica incriminata in Stiria e in Ungheria, il suo utilizzo è previsto anche in occasione del Gp di Gran Bretagna, in programma per il weekend del 2 agosto. Data entro la quale i giudici di Spielberg contano di essere arrivati ad una conclusione soddisfacente.


AutoreMarco Sassara – @marcofunoat

Foto: Formula Uno – Racing Point

Articoli Collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Collegato

3,584FansMi piace
1,032FollowerSegui
7,558FollowerSegui
- Advertisement -

Meteo Prossimo GP

Budapest
nubi sparse
26 ° C
26.8 °
25 °
55 %
3.1kmh
75 %
Sab
26 °
Dom
29 °
Lun
34 °
Mar
34 °
Mer
24 °
- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -
Change privacy settings