GP Stiria 2020 – Mercedes: Hamilton sugli scudi, Bottas in affanno

0
p Ungheria 2020 - Mercedes: Hamilton domina, Bottas parte a singhiozzo
Lewis Hamilton "naviga" al Red Bull Ring

Il turno di qualifiche rimasto in dubbio per tutta la giornata si è trasformato in un’ora di adrenalina e di spettacolo puro grazie ad un pista costantemente bagnata, caratterizzata da una visibilità ridottissima, che ha creato più di un grattacapo a protagonisti che comunque non si sono risparmiati. Dalla durissima tenzone è emersa la Mercedes n°44 che si è esaltata sui saliscendi della Stiria. Se Hamilton, come spesso accade, ha sublimato se stesso sull’asfalto quasi allagato, meno efficace è stata l’azione di Valtteri Bottas che ha rimediato un distacco pesantissimo dal compagno di squadra. Il finnico deve accontentarsi di una seconda fila bassa che non lo mette nella miglior condizione per provare il bis in sette giorni. Comunque, vista la pericolosità del tracciato, è positivo che entrambe le W11 abbiano passato indenni le qualifiche e siano pienamente in corsa per essere protagoniste nella giornata di domenica. Toni ovviamente contrastanti quelli dei due alfieri della Stella a Tre Punte. Partiamo dal britannico.

GP Stiria 2020 - Mercedes: Hamilton sugli scudi, Bottas in affanno
Lewis Hamilton esulta dopo la pole position del Gp di Stiria

Uno di quei giri che non si scordano, uno di quegli” assalti” che verranno citati negli anni a venire trasformandosi in un classico della Formula Uno. Un distacco importantissimo sul secondo piazzato e soprattutto su chi ha lo stesso mezzo tecnico tra le mani. La giornata di Hamilton è da incorniciare perché veniva da libere molto difficili in cui aveva litigato con l’assetto della W11. Ma quando la pista si fa viscida Lewis non tradisce e impartisce lezioni di guida. Il Campione del Mondo, visibilmente raggiante nell’intervista a tre post qualifiche, ha così parlato: “Sono molto contento. La giornata è stata complicata. Il meteo ci ha offerto condizioni estremamente difficili. Si faceva fatica a vedere dove andare. Al penultimo giro mi sono trovato con il cuore in gola ma è andata bene e sono riuscito a fare un bellissimo ultimo tentativo. Adoro queste giornate perchè mi ricordano quando correvo a Blackpool da ragazzino. Ieri è stata giornata difficile per me. Nelle seconde libere abbiamo avuto un problema, niente di grosso: l’abbiamo scoperto nella notte e l’abbiamo prontamente risolto. Oggi anche sull’asciutto sarebbe andata meglio, ma sono comunque grato per questa pioggia visto che a me piace sempre. Domani dovrebbe esserci il sole, siamo preparati in entrambe le condizioni. Oggi non ho commesso errori, è sempre positivo partire lì davanti, è quello che ci eravamo prefissati”.

Il leader del mondiale, di contro, non cela un velo di delusione e ammette con grande onestà di aver guidato in maniera non perfetta: “Non è stata una qualifica facile e certamente non era il quarto posto il mio obiettivo. Credo di non essere stato in grado di portare in temperatura le gomme. Parte di questa prestazione – ha spiegato Bottas – è dovuta al fatto che ho riscontrato qualche problema con il mio freno anteriore destro, dunque per tutta la qualifica non sono riuscito a sfruttare al massimo il potenziale della vettura in frenata. Una cosa, questa, fondamentale per trovare il giusto feeling sul bagnato. Ad ogni modo spero proprio in una gara asciutta, sarebbe bello portare questa W11 al massimo. Sappiamo che è molto molto veloce”.

GP Stiria 2020 - Mercedes: Hamilton sugli scudi, Bottas in affanno
Valtteri Bottas, Mercedes F1

Quella persa da Bottas è un’occasione ghiotta visto che del Red Bull Ring è un vero specialista. Ovviamente siamo solo al sabato e c’è tutto il tempo per provare a recuperare su Hamilton cercando di mettere altro fieno in cascina in vista dell’Ungheria e della doppietta inglese che, sulla carta, dovrebbero esaltare il driver di Stevenage. Questa rincorsa sarà il tema caldo nel team Mercedes, oltre alle questioni relative all’affidabilità che avevano lasciato più di una preoccupazione domenica scorsa. Gli uomini di Brackely si dicono sicuri che i nuovi cablaggi portati per l’occasione aiuteranno a dormire sonni più sereni. Vedremo.

Autore: Diego Catalano– @diegocat1977

Foto: F1Mercedes

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui