Horner: “Hamilton si scusi con Albon”

0
Max non avrebbe chiuso la gara senza pit: oltre 50 tagli sulle sue gomme…
Christian Horner, team principal Red Bull Racing

Horner: “Hamilton si scusi con Albon”


Horner vuole che Lewis Hamilton si scusi con Alexander Albon per l’incidente di ieri nel corso del gran premio d’Austria al Red Bull Ring. Il britannico della Mercedes e l’anglo-tailandese della Red Bull sono stati nuovamente protagonisti di un incidente. Già, perché non è la prima volta che i due si toccano nel corso di un ruota a ruota. Infatti, nel corso del gran premio del Brasile 2019, il pluri iridato aveva provato il sorpasso ai danni dell’ex pilota Toro Rosso. L’inglese aveva valutato male lo spazio all’interno e aveva mandato in testacoda la Red Bull numero 23.

Ieri, nel corso del giro numero 61 del gran premio d’Austria in seguito alla ripresa della gara dopo il terzo periodo di Safety Car, la dinamica dell’incidente tra i due è stata simile a quella di Interlagos 2019. Albon ha provato un sorpasso molto difficile all’esterno della curva 4 ai danni di Hamilton. Entrambi i piloti erano appaiati in uscita dalla curva ma ambedue hanno proseguito con la propria traiettoria. L’anteriore sinistra della Mercedes ha toccato la posteriore destra della Red Bull mandandola in testacoda nella via di fuga.

Horner vuole le scuse da parte di Lewis Hamilton per il contatto con Alexander Albon
Alexander Albon perplesso nel post gara dopo il contatto con Hamilton

Il ventiquattrenne nativo di Londra aveva quasi ultimato il sorpasso. Questo incidente è costato cinque secondi di penalità al campione del mondo in carica e ha posto fine all’arrembante corsa del pilota Red Bull. Il sei volte iridato ha perso il podio, conquistato per la prima volta in carriera da Lando Norris, mentre Albon ha visto svanire le concrete possibilità di un piazzamento sul podio o di agguantare la Mercedes di Bottas per la vittoria. L’anglo-tailandese era con gomme soft nel finale, avrebbe avuto più ritmo per attaccare la posizione del finnico.

A fine gara, il pilota della Red Bull ha espresso tutto il suo disappunto ai microfoni di ‘Sky Sports‘: “avremmo potuto vincere la gara. Naturalmente penso che la Mercedes avesse un ritmo gara superiore, ma i ragazzi hanno fatto un lavoro eccezionale con la strategia. Onestamente quando ha effettuato il pit stop, sono rientrato in pista e non sapevo bene in che posizione fossi. Poi, abbiamo analizzato bene la situazione, sapevo del fatto che io disponessi di pneumatici soft mentre gli altri avevano le gomme dure e nei primi cinque giri avrei potuto sorpassarli…”.

Mi sento un po’ come in Brasile la passata stagione – ha proseguito il pilota Red Bullanche se l’impatto non è stato forte come a Interlagos. Ma in ogni caso non è stato un incidente da 50/50. Mi sentivo come se avessi già concluso il sorpasso. Ero già concentrato su Bottas là davanti. E’ stato tardivo il contatto”.

Credo che ci sia sempre un maggior rischio sorpassando all’esterno. Ma ho dato tutto lo spazio possibile ad Hamilton, ero al limite. In quel frangente ho pensato che se gli avessi dato tutto lo spazio che avrei potuto dargli, poi sarebbe dipeso da lui se avesse voglia di schiantarsi o no e sì…è andata così” ha tuonato il pilota classe 1996.

Alexander Albon alla guida della Red Bull-Honda RB16

Sull’incidente tra i due è intervenuto anche Christian Horner, team principal della scuderia di Milton Keynes: “questo sport può essere molto negativo a volte – ha dichiarato Horner e oggi (ieri ndr) è uno di quei giorni in cui tutto va male. Alexander ha guidato molto bene, e non si meritava quell’incidente. I cinque secondi che hanno dato di penalità a Hamilton non sono serviti a molto. Alex avrebbe potuto vincere, la strategia era perfetta, aveva le gomme morbide ma era nella posizione sbagliata…”.

Horner è stato successivamente interpellato sul fatto se Albon avesse potuto pazientare un po’: “si può dire questo, ma il sorpasso era ormai concluso. Non è che fosse all’interno, quindi quale sorpasso puoi considerare sicuro a fine giornata? Dubito che Lewis l’avrebbe fatto passare facilmente. E’ stato semplicemente un suo errore di valutazione e sarebbe bello se Lewis chiamasse Alex e si scusasse con lui per quella manovra” ha concluso Christian Horner.


Autore: Dennis Ciracì | @dennycira

Foto: Red Bull Racing

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui