Sanzionati Perez e Raikkonen

0

Dopo il gran lavoro svolto dai commissari durante il Gp d’Italia, possiamo affermare che questo è stato uno weekend di normale amministrazione per loro. I sanzionati, Perez e Raikkonen, sono quelli che hanno ricevuto una penalità vera e propria. Ad altri 12 piloti, poi, è stato assegnato uno “warning” per l’incorretta procedura di ripartenza dopo safety car. Ma analizziamo tutto quanto

Iniziamo da Perez, il quale è stato sanzionato con 1 posizione di penalità in griglia + 1 punto patente per aver causato un incidente durante le prove libere 2. E’ una violazione del codice sportivo internazionale.

Perez stava uscendo dalla pit lane mentre Raikkonen sopraggiungeva in un giro cronometrato. Racing Point ha avvisato il suo pilota del traffico e le bandiere blu erano ben visibili prima di curva 1. Il messicano ha affermato che, essendo la pit exit molto lunga, ha provato ad accelerare per stare davanti al finlandese, ma giunto alla curva il sorpasso non si era concretizzato e non ha potuto far altro che andare al contatto con l’avversario. Valutato che nei casi simili del passato erano state assegnate una reprimenda a Bottas (nel 2019) e nessuna sanzione a Vettel (nel 2015), i commissari hanno deciso di ridurre ad 1 sola posizione di penalità le “normali” 3 che abbiamo sempre visto assegnare. Questo perché è evidente che la colpa principale dell’incidente è di Perez.

Passiamo a Raikkonen, sanzionato in gara con 5 secondi di penalità + 1 punto patente per aver violato le note del Direttore di gara in merito all’ingresso in pit lane

L’immagine allegata alle Note del Direttore di gara. Si vede chiaramente la linea che non deve essere “tagliata”

Raikkonen è stato richiamato ai box nel momento in cui è scattato il regime di safety car. Il pilota, però, aveva già superato l’ingresso pit lane ed è entrato tagliando la linea bianca continua che doveva invece essere mantenuta sulla sinistra. La sanzione è corretta: non dimentichiamoci che, dopo Germania 2018 quando Hamilton rimase in pista attraversando il prato dopo il paletto che delimita la pit entry, si è deciso di essere più severi anche nel controllo di quella zona.

Da ultimo, a ben 12 piloti è stato assegnato con uno “warning” per non aver rispettato le procedure di ripartenza dopo la safety car. E’ una violazione dell’articolo 39.13 del regolamento sportivo:

L’incidente che si è verificato sul rettilineo è dovuto al fatto che molti hanno utilizzato in modo irregolare acceleratore e freno dall’ultima curva fino alla linea del traguardo. I commissari hanno optato per uno “warning” in quanto non c’è un pilota con colpa maggiore di altri, ma intendono sottolineare che la ripartenza è un momento pericoloso che va gestito in modo migliore. Hanno inoltre precisato che Bottas non ha minimamente violato il regolamento. Era il leader ed è lui a decidere l’andatura fino al momento della ripartenza.

Autore: Alessandro Rana – @AleRanaf1

Immagini: Fia.com; Racing Point

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui