Wolff: “Arrivare e vincere in F1 non è possibile…”

In questi ultimi giorni si è tornato a parlare del possibile ingresso di Audi e Porsche in F1. Niente di nuovo, data la partecipazione del managment di queste case automobilistiche alle riunioni organizzate dalla FIA (sin dallo scorso luglio) per discutere di come dovranno essere i nuovi propulsori che equipaggeranno le monoposto a partire dalla stagione 2025/2026.

Il dibattito però è tornato a farsi di nuovo acceso a causa della dichiarazione rilasciata da Thomas Laudenbach. Il direttore del reparto motorsport powertrains Porsche ha recentemente confermato l’interesse verso un ingresso in categoria. Per la casa automobilistica appartenente, come Audi, al gruppo Volkswagen, sarebbe molto importante che la F1 tornasse a svolgere un ruolo determinante nello sviluppo della tecnologia volta alle auto di serie ed è soddisfatto nel vedere che le decisioni della FIA stiano andando proprio in questa direzione.

F1
Christian Horner (Red Bull Racing Honda), Toto Wolff (Mercede AAMS F1 Team) e Mattia Binotto (Scuderia Ferrari) a colloquio

Ovviamente i costruttori, specialmente i nuovi, dopo quanto accaduto alla Honda nel 2015, vogliono delle rassicurazioni per evitare che un simile disastroso esordio possa nuovamente ripetersi. Utile a tal proposito quanto dichiarato dal team principal Mercedes ad ‘Autosport‘: non si può garantire loro di poter essere competitivi sin da subito, però potranno essere prese delle precauzioni per incentivarne l’ingresso.

“Nessuna di queste grandi aziende automobilistiche vuole entrare e affrontare una situazione in cui non siano competitivi” ha esordito Toto Wolff prima di esporre la propria opinione. “Quindi c’è bisogno di istituire dei sistemi che mitighino questi rischi. D’altra parte però, la F1 è come la Champions League: nessuno può aspettarsi di andare in finale e vincere subito alla prima partecipazione. Basta guardare alla storia della Mercedes, alle prime tre stagioni disputate come team autonomo. Ai terribili anni che ha dovuto affrontare la Honda, o la Renault.

Ciò che il manager austriaco intende dire è che per ottenere delle vittorie occorre prima fare un percorso. La strada potrebbe rivelarsi lunga, ma ottenere dei grandi risultati, con il tempo, è possiile. “Tutti noi abbiamo dovuto lottare prima di poter vincere gare e campionati. Penso che tutti capiscano che non si può semplicemente entrare in F1 e competere subito ai massimi livelli. Bisogna dare tempo al progetto. In passato è filtrato un messaggio sbagliato e molti costruttori lo hanno semplicemente frainteso”.


F1-Autore: Marco Sassara – @marcofunoat

Foto: Formula Uno – Mercedes

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

3,584FansLike
1,032FollowersFollow
5,422FollowersFollow

Meteo Prossimo GP

Austin
cielo sereno
26.1 ° C
27.6 °
24.8 °
71 %
5.1kmh
0 %
Mar
39 °
Mer
39 °
Gio
39 °
Ven
39 °
Sab
35 °
- Advertisement -

Latest Articles

- Advertisement -
Change privacy settings