sabato, Luglio 20, 2024

Red Bull, Barcellona spartiacque per la RB20

Il Gp di Spagna potrebbe essere per la Red Bull un primo spartiacque di questa stagione. La RB20 è chiamata ad una sorta di riscatto prestazionale dopo le difficoltà del mese di maggio e le fatiche di adattamento a Montreal, laddove Verstappen ha portato a casa una grande vittoria sfruttando al massimo il suo talento, ma anche gli errori abbastanza grossolani degli avversari diretti.

Mercedes e McLaren avevano il passo per giocarsi la vittoria in Canada, ma tra le imperfezioni dei team e quelle dei piloti, e George Russell ne sa qualcosa, alla fine della fiera a vincere è stato chi ha sbagliato meno di tutti nell’arco di tutto il weekend: un fine settimana piovoso, pieno di insidie, ma nel quale ha avuto la meglio il connubio migliore tra squadra e pilota.

Red Bull
George Russell (Mercedes AMG) in azione in sella della W15 – Gp Canada2024

Chi è mancata terribilmente a Montreal è stata la Ferrari: la Scuderia di Maranello era data come tra le favorite per la vittoria del Gran Premio di domenica, ma evidentemente qualcosa nelle operazioni in pista non ha funzionato a dovere, e tra un cambio di set-up che forse ha scombussolato tutti i piani ai problemi di affidabilità che negli ultimi periodi stanno emergendo, la SF-24 EVO è stata la grande delusione dello scorso weekend di gare.

Red Bull, la concorrenza aspetta il Montmelò

Per poter battere la Red Bull bisogna essere perfetti, pur avendo la macchina migliore: il Gp del Canada ce lo ha dimostrato sotto tutti i punti di vista, ma queste difficoltà della RB20 potrebbero essere un lontano ricordo a partire dal prossimo appuntamento, ovvero quello spagnolo di Barcellona, decima tappa di un mondiale 2024 di F1 che negli ultimi periodi ci ha detto come ci sia qualcosa di interessante da raccontare, senza assistere alla continuazione del monologo “ammirato” nella scorsa stagione.

Diversi tra piloti e rappresentanti dei team hanno detto come la gara del Montmelò sarà un vero e proprio banco di prova e che ci dirà a che punto sia la performance della monoposto campione del mondo in carica: le difficoltà dell’ultimo mese e mezzo, appianate ove possibile dal talento di Verstappen, hanno messo invece in seria difficoltà Sergio Perez, che nonostante il fresco rinnovo di contratto, fatica persino ad entrare in Q2.

Red Bull
Il sorriso di Max Verstappen

Sono problematiche tecniche reali, non ci stiamo inventando nulla: lo stesso tre volte iridato olandese, infatti, ha chiesto a gran voce un miglioramento significativo sulla monoposto, diventata più difficile da guidare da Miami in poi e lontana parente di quella ammirata per esempio in Cina, appena qualche settimana prima della Florida, con un Max che si permetteva persino di scodare volontariamente prima dell’ultima curva di un Gp già vinto praticamente dopo pochi metri.

Red Bull, senza Verstappen non si canta messa

Sarà sicuramente un caso (?) che i problemi Red Bull siano affiorati dal momento in cui la squadra di Milton Keynes e il genio Adrian Newey hanno deciso di concludere dopo quasi 20 anni il rapporto di collaborazione, ma la sensazione è che quando viene messo sotto pressione, il team di bibitari faccia un po’ di fatica a mettere tutto insieme, ma avendo a disposizione un campione come Verstappen, certi guai vengono, come dire, messi in secondo piano.

Il tre volte iridato olandese si comporta da vero leader, forse per la prima volta da tanto tempo a questa parte. La Red Bull sta vivendo una stagione molto complicata al di fuori della pista per le note vicende che hanno riguardato Christian Horner e più in generale per la lotta interna di potere, dalla quale già qualcuno è andato via, vedi Newey, e chissà che altro ci attenderà nel prossimo futuro.

Red Bull
Max Verstappen davanti a tutti nel Gp del Canada 2024

Probabilmente il team principal britannico dovrà un attimo ricredersi sulle sue dichiarazioni di qualche mese fa, quando disse che la squadra veniva prima del singolo. Sicuramente nella quasi totalità dei casi può avere ragione, ma senza questo Verstappen in versione 2024, difficilmente la Red Bull avrebbe festeggiato a Imola o in Canada. Ergo, fare a meno di Max, caro Horner, non sembra essere propriamente consigliato al momento.


Autore: Andrea Bovone

Immagini: Red Bull Content Pool – Mercedes AMG F1 Team

Articoli Collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Collegato

3,584FansMi piace
1,032FollowerSegui
7,558FollowerSegui
- Advertisement -

Meteo Prossimo GP

Budapest
nubi sparse
26.1 ° C
27.3 °
24.4 °
53 %
1.3kmh
47 %
Sab
30 °
Dom
31 °
Lun
33 °
Mar
34 °
Mer
22 °
- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -
Change privacy settings