Binotto: “Leclerc sfortunato, Vettel può migliorare…”

0
Binotto
Mattia Binotto, team principal Scuderia Ferrari

Binotto: “Leclerc sfortunato, Vettel può migliorare…”


Oramai lo si sa. Lo si ripete spesso, ma si fa un po’ di difficoltà ad abituarcisi. Dalla Ferrari e da questa SF1000 non possiamo attenderci grandi risultati. A volte però un po’ ce lo si dimentica, come oggi quando poco prima della sosta Charles sembrava poter arrivare le Racing Point in 4° e 5° posizione, ma poi montate le Medie e tornato in pista alle spalle di Norris, ci si è ritrovati di nuovo a fare i conti con la realtà: ‘no power no party‘. I sorpassi non si fanno. Avoglia a dare la colpa alla conformazione del tracciato (che c’sicuramente è un fattore, ma non l’unico). Leclerc ha dato prova di avere un passo migliore delle vetture di centro gruppo, ma se poi ti ritrovi qualcuno davanti resti bloccato.

Sapevamo che sarebbe stata una pista difficile per noi. Lo sapevamo già dai test invernali. Però credo che la vettura valesse il quarto posto“. Esordisce Mattia Binotto (team principal della casa di Maranello) ai microfoni di ‘Sky Sport F1‘. Con tutto l’ottimismo del mondo, il quarto posto oggi, partendo dalla nona posizione sarebbe stato difficile da raggiungere… Al massimo forse Leclerc avrebbe potuto ottenere la sesta posizione qualora con gomme medie fosse riusciuto a tenere Carlos Sainz dietro di sè, ma da quel che si è visto difficilmente avrebbe potuto ambire a posizioni migliori. “Ci siamo complicati la vita in qualifica“. Continua il tecnico italo-svizzero. La vettura non era correttamente bilanciata”.

Binotto: "Leclerc sfortunato, Vettel può migliorare..."
Il momento della sosta di Charles Leclerc

“Questo ha compromesso la nostra gara. Con aria pulita davanti avevamo un buon ritmo. Credo che senza problemi di affidabilità Leclerc avrebbe avuto la possibilità di arrivare quarto”. Un pensiero sul quale Binotto crede fortemente: Sarebbe stato un risultato in linea con il potenziale della vettura. La macchina doveva essere affidabile, oggi non lo è stata. C’è stato un problema alla centralina elettronica che improvvisamente ha spento tutto. Dobbiamo analizzare il tutto e capire di che cosa si tratta”.

Parlando invece della gara di Vettel, il TP della Ferrari ha aggiunto: “Seb partendo più indietro ha fatto la sua unica sosta ed è arrivato settimo. Dobbiamo sicuramente migliorare in qualifica, sopratutto in questa fase dobbiamo riuscire a sfruttare al meglio la macchina e se non lo facciamo ciò ci fa fare un ulteriore passo indietro“. Mara Sangiorgio (inviata ‘Sky‘), che precedentemente aveva intervistato il pilota tedesco, chiede un chiarimento a Binotto: perché Seb crede che il suo parere non sia più rilevante all’interno del team? “La sua risposta nasce dalla delusione di non far parte della squadra il prossimo anno. Credo che risponda così perché in qualche modo crede che non spetti più a lui dare consigli per il futuro“.

Binotto: "Leclerc sfortunato, Vettel può migliorare..."
Sebastian Vettel, Ferrari, Barcellona 2020

“Detto questo con lui stiamo lavorando bene, il weekend è stato discreto anche se può ancora migliorare e son certo che il risultato odierno possa dargli fiducia per affrontare la prossima gara con più entusiasmo”. Sui dialoghi che avvengono poi tra pilota e muretto, il tecnico italiano ha sentenziato: “Per nostra scelta, preferiamo che ci siano delle discussioni tra pilota e muretto. Altre squadre decidono di non farlo, magari per non svelare quelle che sono le intenzioni, ma noi pensiamo che sia il modo giusto di ottenere i risultati migliori. Se uno guarda anche ai risultati recenti, le sclelte che poi alla fine son state fatte si son rivelate corrette. Quindi ben venga la discussione”.

In ultima battuta, Mara Sangiorgio chiede se il team, dopo la sesta gara di una stagione difficile, abbia già abbandonato lo sviluppo della SF1000 e abbia deciso di concentrarsi più sul futuro. Mattia Binotto risponde così: No non l’abbiamo mai abbandonato. Stiamo lavorando su alcuni fronti cercando sempre anche di sviluppare la vettura dell’anno prossimo” che a causa del coronavirus si è deciso sarà un continuo sviluppo di quella 2019, quindi le due cose sono correlate. Per quest’anno portermo ancora degli sviluppi, ma non nelle prossime gare. Abbiamo portato degli aggiornamenti in Inghilterra e continueremo a fare ulteriori sviluppi entro la fine della stagione”.


AutoreMarco Sassara – @marcofunoat

Foto: Ferrari – Formula Uno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui