Binotto apre alla Reverse Grid: ”Dobbiamo tornare a parlarne”

L’ultimo Gp di F1 andato in scena ad Interlagos ha messo in evidenza una Mercedes da un ritmo incredibile. Lewis Hamilton, tra sprint qualifying e gara, è riuscito a compiere la straordinaria cifra di 25 sorpassi. 23 dei quali avvenuti senza particolari problemi. Soltanto le Red Bull hanno dato al britannico un po’ di filo da torcere, ma anche per loro, contrastare l’avanzata della W12 N.44 è stato impossibile.

Una prestazione spettacolare sulla quale si è iniziato subito a discutere al termine della sprint race del sabato, quando il britannico, in soli 24 giri era già riuscito ad avere la meglio di 15 avversari. Cos’è che può aver permesso alla Freccia Nera di Hamilton di sfoggiare una simile performance? Ovviamente poter contare su una nuova unità motrice potrebbe aver contribuito alla causa, ma Red Bull non crede che questa possa essere l’unico motivo della sua straordinaria velocità. Il team di Milton Keynes ha ragione di credere che avvenga qualcosa di strano nella parte posteriore della monoposto teutonica. L’ala e la sospensione le parti che hanno suscitato maggior interesse nei tecnici Red Bull.

F1
Helmut Marko e Christian Horner, Red Bull Honda

Al loro pari, anche secondo quanto dichiarato dal team principal della Ferrari l’ipotesi di dar merito al solo motore termico non reggerebbe. La posizione del manager italiano appare però meno ‘preoccupata’ rispetto a quella dei britannici. Il vantaggio potrebbe semplicemente derivare da una conformità del tracciato più adatta alle peculiarità della Mercedes: Non credo sia tutto merito della power unit. Abbiamo visto nel corso dell’anno come le vetture possano adattarsi meglio ad una tipologia di circuito piuttosto che ad un’altra.”

Red Bull ha avuto un vantaggio in Messico, mentre Mercedes in Brasile” ha proseguito Mattia Binotto intervenuto nel post gara ai microfoni di ‘Sky Sport’. “Lo si evince anche dalla prestazione ostentata da Bottas: molto competitivo anche se in possesso di un motore più vecchio rispetto al compagno di squadra. Le differenze tra i due erano lievi. I prossimi due appuntamenti saranno nuovi per tutti” ha chiosato esponendo le sue considerazioni in merito lla prosecuzione della lotta iridata. Vedere come si comporterà la monoposto lì sarà molto importante per loro.”

Parlando della buona prestazione mostrata da Hamilton, il team principal della Ferrari è tornato nuovamente a rilanciare la griglia invertita. È opinione di molti piloti e addetti ai lavori che una sprint qualifying così pensata non garantisca molto di più agli spettatori in termini di spettacolarità.

F1
Gp Brasile 2021: Max Verstappen (Red Bull) e Lewis Hamilton (Merccedes) in lotta per la prima posizione

Per questo, osservare ciò che Hamilton è stato in grado di compiere in Brasile dovrebbe porre delle buone basi per far sì che si possa tornare a prendere in considerazione una proposta che in verità non è mai stata del tutto accantonata dalla F1: “La rimonta di Hamilton è stata entusiasmante. Abbiamo visto molti sorpassi e questo ha reso più interessante la sprint race. Credo che questo possa offrire un ottimo spunto di riflessione per tornare a parlare del format e della griglia invertita”.

Saranno tra i 6 e gli 8 i weekend che nel 2022 si svolgeranno secondo il programma della sprint qualifying. Con l’appuntamento brasiliano si sono conclusi i test in programma per questo campionato. Ai vertici della F1, FIA e team non resta ora che raccogliere le idee e pensare alle soluzioni migliori per migliorare detto format in vista della nuova stagione.


F1-Autore: Marco Sassara – @marcofunoat

F1-Foto: Formula Uno – Scuderia FerrariMercedes AMG F1 – Red Bull Racing Honda

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

3,584FansLike
1,032FollowersFollow
6,136FollowersFollow

Meteo Prossimo GP

Abu Dhabi
cielo sereno
25.8 ° C
26.1 °
25.5 °
71 %
1kmh
0 %
Ven
26 °
Sab
27 °
Dom
26 °
Lun
26 °
Mar
26 °
- Advertisement -

Latest Articles

- Advertisement -
Change privacy settings