Le Mans Virtual Series – Round 3: La bandiera rossa trionfa al Nordschleife

È il più temuto da tutti i piloti, è il Green Hell (Inferno Verde). Da quando, nel 1960, Sir Jackie Stewart diede questo soprannome al Nurburgring Nordschleife, questo tracciato ha assunto un’atmosfera mistica, quasi come se fosse intoccabile.

Il leggendario Nordschleife è proprio il setting del 3° round di Le Mans Virtual Series, alzando l’asticella della competizione sempre più in alto.

Se affrontare un singolo giro lungo i 25,378 km può sembrare difficile, immaginate farlo per 8 ore!

Le Mans Virtual Series

In primo luogo, partiamo dalla sessione di qualifiche. Neanche il meteo da una mano ai piloti, poiché si abbatte un temporale sull’Eifel, il quale non aiuta decisamente le vetture. Da una parte, l’asfalto nel tratto nuovo del GP-Strecke ha molto grip, dall’altra nel sezione di 20 km del Nordschleife le cose si complicano.

Diventa molto complicato specialmente per le Oreca LMP2, considerando la loro aerodinamica.

In ogni caso, la pole è stata conquistata dall’equipaggio #4 di ByKolles-Burst Esports, grazie al giro concluso in 8:08.772 da Jernej Simoncic.

Impressionante notare che dopo 25 km e 185 curve i migliori 3 piloti siano racchiusi in meno di 1 secondo.

In classe GTE la partenza al palo è andata nelle mani di Joshua Rogers con la Porsche #92, grazie ad un tempo di 8:50.452. L’australiano ha spezzato la serie consecutiva di pole di Kevin Siggy e del BMW Team RedLine, il quale si è piazzato 2°.

Contrariamente, non è prevista pioggia per la gara, mentre nel finale sarà la notte l’elemento aggiuntivo.

38 auto divise in 2 classi creano una certa preoccupazione specialmente in ambito doppiaggi all’interno del Nordschleife.

La partenza è lineare in classe LMP: Pedersen sulla #4 perde la leadership a favore della GPX Rebellion Williams #22 di Marcell Csincsik, per poi riconquistarla all’inizio del 2° giro.

Lato GTE, le Porsche comandano saldamente la gara, ma a centro gruppo si verifica un contatto nel quale a farne la spese è la BMW #89 del BS+COMPETITION.

Strategia perfetta, come nel round precedente a Spa, da parte del Team RedLine. Huis a bordo della #123 risale sino alla 2° posizione dopo il valzer deli primi pit stop.

Nel frattempo, in GTE si accende la battaglia. Duellare nel Green Hell è complicato, motivo per cui non sono mancati i contatti, uno tra questi quello che ha coinvolto la #888 e la #55 del Team GB, anche se quest’ultima ha recuperato in fretta.

Dopo 6 giri sono arrivati anche i pit stop delle vetture Gran Turismo,ad eccezione della #71, #888 e della #51 che hanno percorso un giro in più.

Dopo la 1° ora è arrivato anche il momento dei doppiaggi. I primi 2 equipaggi che ne hanno fatto le spese sono la vettura #14 del RaceClutch Alpine e la Porsche #57 del Team Project 1 x BPM. Quest’ultima è stata considerata artefice del contatto e dunque riceve una penalità.

Le Mans Virtual Series

Dopo 1 ora e 40 minuti circa sul cronometro si verifica un problema tecnico al server, costringendo la direzione gara ad esporre la bandiera rossa.

Le vetture rientrano nei box, ma lo stop complica le cose per molte squadre che si erano appena fermate, mischiando totalmente le carte in tavola in classifica.

Tra questi equipaggi troviamo la #123 del Team RedLine (Huis-Rosenqvist-Spork) in classe LMP, la quale era in lotta al vertice.

È andata anche peggio alla #70 del RealTeam by RedLine. L’equipaggio vincitore della gara di apertura a Monza è costretto al ritiro, il 2° consecutivo, per problemi tecnici di connessione.

Dopo quasi 2 ore in condizioni di red flag, avviene la ripartenza. La LMP2 #10 del MAHLE Racing Team si gira in curva 2, creando una situazione di pericolo per la ripartenza delle vetture GTE.

Altri contatti contro le barriere avvengono per 2 Porsche, la #91 e la #77, entrambe costrette ai box.

Tuttavia, in seguito ad altri 40 minuti di gara i problemi tecnici continuano e la bandiera rossa viene esposta nuovamente. Questa volta, però, è quella definitiva poiché il direttore di gara, Eduardo Freitas, ha comunicato ai piloti che la gara non verrà ripresa.

Non essendo stato completato il 75% di gara viene assegnato metà del punteggio previsto, mentre siamo in attesa di avere dei risultati ufficiali.

Il podio provvisorio delle 2 classi recita:

LMP 1° #123 Team Redline

         2° #4 ByKolles-Burst Esports

         3° #996 Team Fordzilla

GTE 1° #888 TESLA R8G Esports

        2° #111 Red Bull Racing Esports

        3° #88 Proton Competition

Rimane il rammarico per non aver visto le 8 ore di gara sul leggendario Nordschleife, ma la Le Mans Virtual Series non smetterà di sorprendere, in quanto il prossimo appuntamento è la 500 Miglia di Sebring il 18 dicembre.


Autore: Antonio Fedele – @_antoniofedele_

Foto: Le Mans Virtual Series

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

3,584FansLike
1,032FollowersFollow
6,215FollowersFollow

Meteo Prossimo GP

Bahrain
cielo coperto
18.9 ° C
19 °
18.1 °
62 %
7.5kmh
100 %
Mer
19 °
Gio
18 °
Ven
17 °
Sab
18 °
Dom
22 °
- Advertisement -

Latest Articles

- Advertisement -
Change privacy settings