Gp Monaco 2022/Red Bull: Perez e Verstappen approfittano del pasticcio del muretto Ferrari

F1. Dopo una striscia di tre vittorie consecutive Max Verstappen deve cedere il passo a Sergio Perez. Il terzo posto nel Gran Premio di Monaco determina una novità statistica: l’olandese, per la prima volta in stagione, non ha portato a casa una gara dopo aver tagliato il traguardo.

Che non fosse il miglior weekend per il campione del mondo in carica lo si era compreso sin da quando la sua RB18 aveva messo le ruote in pista nelle FP1. Diversi e continui cambi di setup hanno fatto da corollario ad una certa incapacità di adattarsi ai muretti del Principato. Ridurre la quarta posizione in griglia di partenza all’incidente che ha visto coinvolto Sergio Perez significa non fotografare i fatti.

L’olandese non è sembrato a proprio agio ed ha mostrato un certo nervosismo anche nel reagire all’errore del compagno di squadra. La RB18 in versione monegasca ha palesato un certo sottosterzo che non si sposa con il suo stile ma che invece è più nelle corde del messicano che si è esaltato in ogni sessione. Un fine settimana complesso nel quale, in ogni caso, Max è riuscito a capitalizzare al massimo le occasioni raccolte.

Un terzo posto che sa di vittoria visto che Charles Leclerc, l’avversario principale al titolo, è rimasto alla sue spalle per i pasticci di un box Ferrari tutt’altro che perfetto.

Tra i due litiganti ha goduto un Sergio Perez che finalmente porta a casa quel successo che meritava già la settimana scorsa in Spagna e che ha dovuto cedere al compagno di garage per una più alta ragione di stato.

F1

F1. Gp Monaco: la Red Bull sfrutta la pioggia, la Ferrari affonda

La chiave della gara sta tutta nelle scelte fatte dai muretti. Perez e Verstappen montano prima le slick per poi passare, in una seconda sosta, alle hard. In Ferrari succede di tutto. In primo luogo non proteggono con solerzia l‘undercut del messicano. Quando Leclerc rientra per montare le intermedie è troppo tardi. Poi chiedono a Sainz di fermarsi per fare la stessa cosa.

Lo spagnolo si rifiuta a prosegue finché non è chiaro che la pista è da gomme d’asciutto. A quel punto la Scuderia opera una doppia sosta che fa andare su tutte le furie il pilota di casa che, da battistrada, si trova quarto. E in quella posizione rimarrà fino alla fine delle operazioni nonostante la bandiera rossa causata dall’ennesimo pauroso botto che ha visto protagonista un Mick Schumacher che non riesce a dare la svolta alla sua stagione.

Alla ripartenza Red Bull punta su penumatici a banda gialla, la Ferrari prosegue con le hard. C’è poco da fare, le posizioni restano congelate a causa di un tracciato sempre più incompatibile con la massa in continua crescita della vetture della massima formula. Perez vince davanti a Sainz e Verstappen che coglie un anonimo terzo posto ma che ha il sapore della vittoria visto che allunga su Leclerc quarto e arrabbiato nero. Parimenti, anche la Red Bull allarga la forbice in classifica sulla Rossa.

F1
Pit stop Ferrari, GP Monaco 2022

F1. Gp Monaco: parlano i protagonisti Red Bull

Un Sogno che si realizza – così ha esordito Sergio Perez nelle classiche interviste a caldo – Da pilota speri sempre di vincere qui. Dopo la gara di casa non c’è gran premio più speciale da vincere. trionfare qui in questo modo è incredibile. Alla fine per noi è stata dura, avevo il graining e ho dovuto fare attenzione per non commettere errori avendo dietro un Carlos Sainz velocissimo. Non è stato semplice. Oggi è stata una giornata enorme per me e per il mio Paese. Sono molto contento. Ho corso con il casco di Pedro Rodriguez che sarebbe super orgoglioso oggi“.

Max Verstappen ha giocoforza osservato il calice mezzo pieno: felice per i punti, meno per la prestazione. Ecco le sue parole: “Dopo lo qualifiche ho soltanto fatto il meglio che potevo. Abbiamo fatto un buon lavoro dopo essere partiti quarti a causa della bandiera rossa che ci ha bloccati nelle qualifiche. Siamo stati bravi con la strategia che ci ha permesso di superare le Ferrari. Come team possiamo essere molto contenti“.

La gara – ha proseguito il talento di Hasselt è stata piuttosto frenetica a causa della pioggia. Sono riuscito ad incrementare il mio vantaggio in classifica e questo rende il mio bicchiere mezzo pieno. Ritrovare il ritmo dopo le bandiere rosse, specialmente con l’asfalto bagnato, era difficile. La pista era molto scivolosa. Ho dovuto mantenere alta la concentrazione perché era facile sbagliare. Tranne per quel che è accaduto a Mick non è successo poi nulla di folle. Per fortuna sta bene. Cosa dire di Perez? Un risultato straordinario, sono molto contento per lui!“.


F1 – Autore: Diego Catalano@diegocat1977

Foto: F1, Oracle Red Bull Racing, Scuderia Ferrari F1

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

3,584FansLike
1,032FollowersFollow
5,929FollowersFollow

Meteo Prossimo GP

Montréal
cielo sereno
16.3 ° C
17.5 °
13.1 °
69 %
3.6kmh
0 %
Ven
18 °
Sab
22 °
Dom
24 °
Lun
26 °
Mar
21 °
- Advertisement -

Latest Articles

- Advertisement -
Change privacy settings