Gp Canada 2022: perché il pacchetto Ferrari/Leclerc non ha funzionato?

Essere nominato “driver of the day“, in F1, non porta punti. Né, ci auguriamo, lo farà mai perché non può essere una giuria casalinga, quindi condizionata da pulsioni primordiali quali sono amore, passione e tifo, a determinare i movimenti di classifica. In ogni caso questo “titolo di facciata” assegnato dagli spettatori evidenzia che un determinato pilota si è contraddistinto per manovre particolari o per aver condotto la gara in maniera così esaltante da stagliarsi sul resto della truppa.

In Canada è stato Charles Leclerc ad essere insignito dell’onorificenza. Un brodino insipido visto che Max Verstappen, nel frattempo, riusciva a tenere a bada gli attacchi feroci di un quanto mai aggressivo Carlos Sainz portandosi a casa l’intera posta in palio.

Cosa che gli ha consentito di proseguire su quella striscia positiva avviatasi nel Gran Premio dell’Emilia Romagna e che continua in maniera inesorabile: Maranello in preda ad un vera e propria emorragia di punti; Milton Keynes a capitalizzare ogni minima occasione che la pista offre.

F1
Charles Leclerc (Scuderia Ferrari) – Gp Canada 2022

F1. Ferrari e Leclerc hanno fatto il possibile per raggiungere il podio a Montreal?

Il dubbio che serpeggia, al di là del riconoscimento che il monegasco avrebbe ben volentieri barattato con qualcosa di più serio, ossia una vittoria, è il seguente: la Ferrari ha fatto il massimo durante il GP del Canada? La strategia che ha portato la vettura n°16 in penalità è stata quella più efficace o si è sbagliata la valutazione relativa ad una pista che doveva essere, sulla carta, più facilitante sul tema sorpassi? Ancora, Leclerc ha profuso il massimo sforzo o poteva fare di più in alcune fasi chiave del GP?

Interrogativi che probabilmente rimarranno inevasi. Domande alle quali Jacques Villeneuve ha provato comunque a rispondere nel suo solito stile tagliente, non filtrato e fin troppo diretto. Che spesso genera polemiche e reazioni virulente.

F1
L’errore al box Ferrari che ha pesato negativamente sulle rimonta di Charles Leclerc

Nonostante la rimonta dalla diciannovesima alla quinta piazza finale di cui si è resa protagonista la Rossa del monegasco, il campione del mondo 1997 non si è lasciato andare a commenti estatici ritenendo che con una Ferrari in forma tecnica smagliante l’obiettivo era arrivare a ridosso della Red Bull e non di stanziarsi dietro la coppia Mercedes che è tutt’ora alle prese con problemi di saltellamento piuttosto evidenti e limitanti delle prestazioni (leggi qui).

La prima critica che Villeneuve produce è riservata al Cavallino Rampante e alla decisione di andare in penalità: “Prima della gara – ha riferito l’ex Williams hanno preso quelle penalità perché ritenevano che a Montreal, al peggio, potevano finire al quarto posto con Perez ancora in gara“.

Cosa che non sono stati in grado di fare per via di una probabile sottostima delle possibilità di sopravanzare su un tracciato che non ha di certo esaltato le vetture di nuove generazione. E questo è un problema correlato che Liberty Media dovrebbe iniziare seriamente e valutare dopo mesi a venderci il nuovo contesto normativo come la panacea di ogni male.

F1
Charles Leclerc – (Scuderia Ferrari) –

Leclerc, pur essendo stato vittima di un pit stop errato – e qui si ritorna alla pessima gestione del momento pressorio che sta caratterizzando la stagione ferrarista – è stato comunque rimesso in gioco da safety car reali e virtuali che lo hanno di fatto portato nei paraggi delle Mercedes.

Sosta sbagliata e troppo tempo passato in lotta nel gruppo sono alla base, secondo Villeneuve, della rimonta monca che, se completa, poteva portare il monegasco sul podio: Lottare per ottenere quelle posizioni ha ucciso le loro gomme. Per questo che alla fine non hanno raggiunto la Mercedes“.

F1
F1. Jaques Villeneuve, campione del mondo 1997, si aggira all’interno del Paddock di F1

F1. Villeneuve ritiene che Leclerc debba ancora crescere per diventare campione del mondo

Fare una legge generale dal caso specifico è un modo di procedere superato dalla storia. Ma Jacques Villeneuve, citando le difficoltà canadesi, prova a dimostrare che al talentuoso pilota monegasco manchi ancora qualche dettaglio nel suo bagaglio tecnico per poter competere per il bottino più grosso.

Charles è velocissimo – ha spiegato il figlio d’arte al podcast F1nation ma in questo momento fa ancora qualche piccolo errore che non dovrebbe commettere“. Per supportare la sua teoria senza scadere nel determinismo cita il precedente chiave, il momento dal quale la rimonta di Max Verstappen ha preso piede: la topica commessa ad Imola mentre cercava di tenere il passo di Sergio Perez che, da fido scudiero, proteggeva la fuga del collega olandese.

F1
Charles Leclerc, Scuderia Ferrari Ferrari

Che Leclerc abbia talento innato e velocità da vendere è un fattore evidente che viene confermato ogni volta che sfida il cronometro. Le sei pole position, alcune delle quali ottenute in maniera funambolica, sono lì a dimostrarlo. Laddove serve uno scatto in avanti, secondo il driver canadese, è nella gestione dei momenti caldi.

Ambito nel quale, al momento, Verstappen appare superiore. Cosa che probabilmente deriva dal suo status di campione del mondo e da una generale maggiore esperienza sia nel lottare per il mondiale sia nel gestire le pressioni che “si respirano” di un top team.

Ancora, l’olandese, a dispetto della giovane età, è già all’ottava stagione in F1 rispetto alle cinque del rivale. Tre anni in più che ai massimi livelli possono fare la differenza in termini di management del campionato. Chiaramente si tratta di dettagli e di elementi superabili anche grazie alla collaborazione della franchigia di appartenenza che deve creare quel contesto operativo sano ed efficace che sia da fondamenta su cui edificare l’arco di trionfo personale.


F1-Autore: Diego Catalano @diegocat1977

Foto: F1, Scuderia Ferrari F1

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

3,584FansLike
1,032FollowersFollow
5,631FollowersFollow

Meteo Prossimo GP

Montréal
nubi sparse
21.8 ° C
23.6 °
20.4 °
71 %
5.1kmh
75 %
Ven
24 °
Sab
24 °
Dom
23 °
Lun
22 °
Mar
21 °
- Advertisement -

Latest Articles

- Advertisement -
Change privacy settings