domenica, Maggio 26, 2024

Verstappen insoddisfatto: preoccupa la gestione compound della RB18

Un secondo posto al Gran Premio di casa di Red Bull F1 non può e non deve bastare. La squadra austriaca, nonostante le ottime premesse di qualifiche e Sprint, si è trovata in difficoltà. Sergio Perez è stato costretto al ritiro da un incidente con Russell (leggi qui) e Max Verstappen ha ottenuto il secondo posto. Un risultato importante per la stagione che tuttavia non soddisfa né il pilota né la squadra.

F1. Red Bull in difficoltà con le mescole

L’atmosfera al Red Bull Ring è sempre galvanizzante per il team di Milton Keynes . La squadra della nota bevanda energetica, infatti, viene sempre attesa con grande ansia ed entusiasmo da un mare di fans. Specialmente quelli di Max Verstappen. Le gradinate sono state letteralmente riempite dalla cosiddetta “marea arancione”, quella degli olandesi accorsi a sostenere il proprio beniamino. Purtroppo, però, lo stesso Verstappen ha affermato di non essere riuscito nell’intento di regalare loro una vittoria.

F1
Red Bull Rb18, Gp Austria 2022

La gara di Red Bull ha visto un’altalena di emozioni, capaci di alternare attimi di grande classe e sicurezza ed altri invece più opachi. Fra i primi, non possiamo che annoverare un orgoglioso secondo posto. Si tratta di un risultato semplicemente vitale in questo momento del campionato sia per l’olandese che per la sua squadra. Red Bull, infatti, nel Campionato Costruttori continua a mantenere la leadership su Ferrari – che in questa occasione è tornata a vincere su questo circuito dopo 19 anni, per la prima volta da quando lo fece nel 2003 Michael Schumacher – e Verstappen continua a reggere il primato su Leclerc in quello Piloti di 37 punti. Siamo quasi a metà stagione, ed ogni punto conta. Specialmente con una Ferrari che vince per due gare di fila, sebbene ancora lontana dall’essere perfetta.

Fra le note negative, tuttavia, c’è una vettura ritirata, quella di Perez, che pareggia i conti fortuitamente con Sainz, costretto ad un ritiro a causa del motore della sua F1-75. Nel caso di Perez, però, il ritiro è stati causato da un incidente con Russell, in Curva 4. E, soprattutto, c’è stata una enorme difficoltà nella gestione gomme. Ad alto carico di carburante, Verstappen si è trovato a soffrire su ogni tipo di mescole.

Il degrado eccessivo ha fatto in modo che l’olandese non riuscisse a superare Leclerc nemmeno quando si è presentata l’opportunità. A fine gara, infatti, la Ferrari del monegasco ha avuto problemi con l’acceleratore che non si chiudeva in frenata. Verstappen, dal canto suo, ha lottato come un leone fino all’ultimo centimetro ma questo non gli è bastato per uscirne vincitore.

F1
la seconda sosta di Max Vertappen (Oracle Red Bull Racing) per montare le Hard

F1. Verstappen su Ferrari: “più forti di quanto pensassimo”

Nonostante la debacle tecnica, Ferrari è riuscita a portare a casa la seconda vittoria di fila, dopo Silverstone. Max Verstappen, ai microfoni di Sky Sport F1 ha dichiarato che la Rossa è ancora più competitiva di quanto sapessero.

Ferrari era andata veloce già ieri ma le macchine sono andate meglio di quanto mi aspettassi”, – ha ammesso Verstappen. Inoltre, ad alto carico di carburante, la Red Bull ha sofferto su ogni tipo di mescola e gli è stato chiesto come mai.

“È ancora presto per dire perché nella gestione gomme oggi siamo stati così in difficoltà. In ogni caso, abbiamo massimizzato il risultato della gara con il secondo posto. Quando non si ha la velocità per andare a caccia della vittoria, bisogna sempre portare a casa il massimo per il Campionato”.

Il secondo posto non era sicuramente il risultato a cui l’olandese ambiva, specialmente di fronte alla folla di fans presenti. “Bellissimo vedere questo colore, non mi dispiace affatto, – scherza. – Mi dispiace, però, in mezzo a questo scenario, non essere riuscito a regalare la vittoria ma è comunque bello”.

F1 - Verstappen festeggia secondo posto di Red Bull in Austria
F1 – Verstappen festeggia secondo posto di Red Bull in Austria

F1. Incidente contro Russell: Perez e Horner incolpano l’inglese

Il ritiro di Perez ha inciso grandemente sul recupero punti da parte Ferrari, specialmente considerando che a causare il ritiro di Sainz è stato un guasto, mentre Perez si è ritirato a causa di un contatto con la Mercedes di George Russell. Sia il messicano che il team principal di Red Bull Christian Horner hanno incolpato in modo unanime l’inglese.

Perdere Checo è stato enormemente deludente – ha dichiarato Horner a Sky – Non penso che a Mercedes piaccia che le nostre macchina vadano sull’esterno della Curva 4. È stato un peccato, perché Checo era chiaramente davanti. È una curva pericolosa e vediamo un sacco di incidenti sull’esterno. è un peccato che non gli sia stato concesso più spazio”.

F1
Sergio Perez, Oracle Red Bull Racing, Gp Austria 2022

Anche Perez incolpa Russell dell’incidente. “È stato un vero peccato per noi – sottolinea a Sky il messicano – perché ho sentito chiaramente, da parte nostra, che abbiamo fatto il possibile per evitare l’incidente. Stava a George controllare la sua macchina. E lui non l’ha saputa controllare, chiaramente. Abbiamo finito con causare il contatto quando io ero chiaramente davanti.”  

Inoltre, Horner spiega perché ha deciso di optare per il ritiro del messicano. “C’era davvero molto danno. Non c’era la minima chance di segnare punto e allora è stato meglio salvare il chilometraggio.”


Scritto da: Silvia Giorgi silvia_giorgi5

Fonte Immagini : F1 – Oracle Red Bull Racing

Articoli Collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Collegato

3,584FansMi piace
1,032FollowerSegui
7,558FollowerSegui
- Advertisement -

Meteo Prossimo GP

Monte Carlo
poche nuvole
21.3 ° C
22 °
19.7 °
70 %
2kmh
16 %
Dom
21 °
Lun
16 °
Mar
17 °
Mer
17 °
Gio
16 °
- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -
Change privacy settings