sabato, Luglio 20, 2024

Budget cap gate: comunque vada è la F1 ad uscirne sconfitta

È una linea che sposiamo e che stiamo mantenendo con convinzione: qualsiasi sarà il verdetto della FIA sul budget cape gate, la F1 avrà comunque perso. O, quanto meno, ne uscirà ammaccata perché dovrà dare spiegazioni per un atteggiamento poco leggibile che riporta alla contrattazione in corso con un team considerato reo. Un modo molto singolare di agire per chi è costituito giudice in un processo.

Forse, a ben guardare, il peccato più grande che sconta l’ente parigino è la lentezza inaccettabile nell’arrivare ad un epilogo che invece andava fissato ben prima per non creare quei malumori e quelle polemiche nelle quali, ahinoi, sguazziamo da settimane. Nel frattempo Max Verstappen e Red Bull hanno portato a casa i titoli iridati ma di sentenze nemmeno l’ombra. Una solerzia invocata dai rivali ma anche dagli stessi protagonisti coinvolti che, nonostante tutto, hanno il diritto di sapere se potranno lavorare con un tetto di spesa inalterato, quindi pieno, e con il normale numero di ore previste dalle regole tecniche.

F1
l’incontro tra Christian Horner (Oracle Red Bull Racing) – Mohammed Ben Sulayem

F1. Rosberg: la F1 si è messa in una situazione scabrosa

Un giudizio estremamente critico su quanto si sta verificando è stato espresso da Nico Rosberg, uno che non ha mai avuto troppi peli sulla lingua e che non ha usato la piuma per bacchettare la Federazione Internazionale. “È difficile sapere cosa accadrà perché non abbiamo tutti i dettagli sulle violazioni – ha spiegato il campione del mondo 2016 ai microfoni di Sky Sports UK – Cosa è stato fatto con il denaro extra? Com’è stato utilizzato? Era per comprare panini o per sviluppare l’auto con un aggiornamento extra. Penso che sia molto difficile giudicarlo dall’esterno. Penso che sia meglio se aspettiamo e siamo pazienti“.

Rosberg conferma la sensazione che da questa vicenda la F1 dovrà ripulire le macerie: “Per la FIA il problema è che perderanno di sicuro perché se togliessero punti al campione dello scorso anno sarebbe molto brutto per tutti. Ma, se fosse accertata la violazione del tetto di bilancio, per un paio di milioni di euro o per qualsiasi altra cosa, sarebbe altrettanto brutto per tutti“.

F1
Nico Rosberg

F1. Rosberg: per il 2023 Red Bull è ancora la favorita

È un momento molto difficile e spero che la FIA riesca a trovare la soluzione e a farlo in fretta. La cosa terribile è che il campionato è stato deciso all’ultimo giro dell’ultima gara, quindi entrare ora in questa cosa è terribile. Non so come lo risolveranno, non è una buona cosa“.

Rosberg, andando su questioni sportive, ritiene difficile per Mercedes e Ferrari battere la Red Bull nel 2023 poiché crede che Milton Keynes abbia accumulato un vantaggio considerevole che si è realizzato in una striscia di 15 vittorie su 19 gare disputate fino a questo momento.

Nel frattempo, però, fonti giornalistiche tedesche affermano che la decisione tanto attesa della FIA arriverà nel giro di pochi giorni e potrebbe constare nella decurtazione di ore di galleria del vento e di analisi computazionali con effetto sul campionato del mondo 2023. Indiscrezioni che, se confermate, potrebbero rimettere in gioco i valori osservati in questa stagione. E le idee espresse dal pilota ex Mercedes.


Autore: Diego Catalano – @diegocat1977

Foto: F1, Mercedes AMG, Oracle Red Bull Racing

Articoli Collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Collegato

3,584FansMi piace
1,032FollowerSegui
7,558FollowerSegui
- Advertisement -

Meteo Prossimo GP

Budapest
nubi sparse
26 ° C
26.8 °
25 °
55 %
3.1kmh
75 %
Sab
26 °
Dom
29 °
Lun
34 °
Mar
34 °
Mer
24 °
- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -
Change privacy settings