domenica, Aprile 14, 2024

Ferrari trionfa alla 24h di Le Mans: il sogno è diventato realtà!

La Ferrari gestita dal team piacentino AF Corse scrive una nuova leggendaria storia del Cavallino Rampante nell’edizione del centenario della 24 ore di Le Mans. L’edizione che ha segnato il ritorno della casa di Maranello nel mondiale endurance è stata vinta dall’equipaggio 51 dopo un’incredibile girandola di emozioni. Il successo si è concretizzato nel corso delle 22 ore di gara, quando Hirakawa al volante della Toyota Gazoo Racing numero 8 si è reso protagonista di un errore ad Arnage in cui ha danneggiato la GR010 Hybrid.

A cinquanta anni esatti dall’ultima partecipazione, inaspettatamente quanto meritatamente Ferrari iscrive nuovamente il proprio nome nella gara di durata più importante sotto lo sguardo del presidente John Elkann. La Ferrari 499P che ben si era comportata nei primi round della stagione ha dimostrato un potenziale enorme.

Ferrari
La Ferrari 499P numero 51, vincitrice della centesima edizione della 24h di Le Mans

Il trionfo poteva essere ingigantito se la 499P numero 50 che, grazie ad Antonio Fuoco aveva colto la pole, non avesse dovuto ricorrere all’intervento dei tecnici per un guasto dovuto ad un sasso che ha danneggiato il sistema di raffreddamento dell’ERS. Insieme alla Ferrari entrano nella storia i componenti della hypercar #51: Alessandro Pier Guidi, James Calado e Antonio Giovinazzi. Un grande plauso va al responsabile del programma hypercar, Antonello Coletta, che nella giornata di ieri cercava di stemperare il grande entusiasmo generato dalla pole position sul circuito della sarthe.

Certamente il balance of performance diramato da ACO (Automobile Club de l’Ouest, nda) e FIA alla vigilia della gara ha penalizzato Toyota. Secondo Kamui Kobayashi, Team Principal e pilota della Toyota l’aggravio di 37 Kg è stato stimato in una perdita sul giro pari a circa un secondo e due decimi. Tuttavia anche le due 499p sono state “zavorrate” con 24 Kg aggiuntivi. In ogni caso l’enorme esperienza e competitività del prototipo del colosso giapponese erano considerate sufficienti per poter sbaragliare la concorrenza sulla distanza di oltre 300 giri.


Finalmente una domenica gloriosa per Ferrari

Un successo che rappresenta un toccasana per il Cavallino Rampante, che gioisce inaspettatamente con un progetto nuovo di zecca contro i più grandi colossi dell’automotive che si cimentano da anni nel mondiale endurance. Uno scenario completamente diverso a quello che stà vivendo il team di Maranello in Formula 1 in cui l’ennesimo anno i sogni di gloria sono stati rapidamente differiti al prossimo futuro. Un’iniezione di fiducia che dimostra le capacità degli ingegneri dello storico marchio modenese di realizzare un progetto vincente partendo praticamente da un foglio bianco.

Ferrari
La Ferrari 499P alle prime luci dell’alba.

Nessuno credeva realmente che Ferrari potesse imporsi al primo colpo ma l’impossibile è diventato realtà. Probabilmente senza il budget cap imposto dalla FIA nel mondiale di Formula 1 il ritorno della Ferrari nel mondiale endurance sarebbe rimasto un sogno nel cassetto. La necessità di riallocare profili professionali di alto livello ha dato forza alla nascita del programma hybrid quale alternativa alla Formula 1.

Un categoria dal contenuto tecnologico prossimo a quello della massima categoria del motorsport. La speranza è che il successo odierno sia l’inizio del risorgimento Ferrari anche nel mondiale a ruote scoperte che da tanto, troppo tempo riserva troppe amarezze a tutti i fan della rossa.


Autore: Roberto Cecere – @robertofunoat

immagini: Scuderia Ferrari

Articoli Collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Collegato

3,584FansMi piace
1,032FollowerSegui
7,558FollowerSegui
- Advertisement -

Meteo Prossimo GP

Suzuka
cielo sereno
16.9 ° C
17.8 °
16.9 °
90 %
0.8kmh
5 %
Dom
16 °
Lun
18 °
Mar
18 °
Mer
21 °
Gio
20 °
- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -
Change privacy settings