martedì, Maggio 21, 2024

Gp Qatar 2023/Analisi on board Sprint Shootout Red Bull: Verstappen guardingo scatterà dalla P3

Dopo un venerdì in cui la Red Bull e Max Verstappen hanno messo in chiaro chi comanda in F1, è giunto il giorno in cui si corre per i punti e per il titolo iridato. Per agguantarlo, l’olandese deve cominciare a fare parte del lavoro nella sprint shootout del Gp del Qatar mettendosi nelle migliori condizioni operative e provando a tenersi alla larga dalla pancia del gruppo dove, si sa, i rischi di contatto aumentano in maniera esponenziale. 

Sul giro singolo la RB19 n°1 si è ottimamente disimpegnata durante le qualifiche canoniche quando la pista, più gommata e parzialmente ripulita dalla sabbia che la rende scivolosa, ha contribuito a far sparire il sottosterzo di cui Max si era lamentato nella prima ora di attività del venerdì. Oggi quelle sgradevoli condizioni si potrebbero presentare in parte visto che il vento, una costante in queste zone, potrebbe avere riportato sull’asfalto altra sabbia che andrà via via ripulita. 

Una sessione resa ancora più anomala dalle decisioni prese in mattinata dalla direzione gara e che si rendono necessarie per evitare problemi di sicurezza che potrebbero investire la tenuta delle gomme. E’ stato stabilito, difatti, che i track limits verranno modificati nelle curve 12 e 13. Ci saranno 10 minuti di test prima della Sprint Shootout che inizierà, quindi, alle 15:20 ore italiane. 

Se durante le sessioni odierne emergeranno ulteriori difficoltà per domani è pronta una vera rivoluzione concettuale: il numero massimo di giri in gara per ogni set di gomme sarà 20. Da qui l’obbligo di effettuare tre pit stop.

Dalle condizioni ambientali parte il nostro racconto dall’abitacolo della RB19 n°1

Temperatura aria: 36°C
Temperatura pista: 43°C
Vento: 3.2 km/h da Sud

Nei dieci minuti extra Verstappen familiarizza con la pista modificata in curva 12-13 usando gomma soft. Canonica definizione della track position nel giro d’uscita. Tutti usano il compound più morbido, eccezion fatta per le due Ferrari e le due Alpine. Max usa questa sessione come fosse una normale free practice. Dopo il primo giro lanciato ne effettua due di cool down. Resta giusto il tempo per il secondo giro push ed i dieci minuti sono esauriti. Il tentativo è abortito perchè Max è autore di un errore. La sessione si chiude così. Da questo momento si farà sul serio.


Gp Qatar 2023/Analisi on board Sprint Shootout Red Bull – Q1

Primo blocco al via. Max è in pista con gomma media e prepara al meglio il giro cercando di evitare il traffico tipico della prima Q caratterizzata dalla presenza di 20 vetture che cercano di accedere alla seconda sezione. 1.25.510 il debutto dell’olandese che si stabilisce in testa alla graduatoria provvisoria. Doppio slow imposto da Lambiase per un ultimo tentativo che sarà effettuato con lo stesso treno di gomme. Immediato arriva il contrordine: la RB19 viene chiamata al box. Non sarà necessario effettuare un altro giro per superare lo sbarramento. Max chiude in seconda posizione.


Gp Qatar 2023/Analisi on board Sprint Shootout Red Bull – Q2

Dopo che il pilota di Hasselt ha agevolmente superato la prima insidia del sabato qatariota è in pista per una seconda parte in cui le power unit saranno impostate su settaggi più spinti sia nella parte ibrida, fiore all’occhiello del V6 Honda, che in quella endotermica. Gomma a banda gialla fresca per l’alfiere della Red Bull che è tra i primi ad affrontare i dieci minuti della micro-sessione.

1.25.199 e P1 temporanea dopo il primo assalto in cui la vettura anglo-austriaca si comporta in maniera estremamente precisa. Che sia tutto nei programmi lo si intuisce dalla scarsità delle conversazioni col muretto. Gianpiero Lambiase si limita ad avvisare quando attivare la modalità ricarica e quando ritornare ai box. Max, una volta nel garage, si mette guardingo a capire il da farsi. Come prevedibile la monoposto blu resta ai box in virtù di una comoda quarta posizione finale alle spalle di uno scatenato Lando Norris che stavolta si tiene alla larga dai track limits.

Red Bull

Gp Qatar 2023/Analisi on board Sprint Shootout Red Bull – Q3

Ultimo otto minuti della sprint shootout. Vediamo finalmente la gomma soft così da poter valutare il vero potenziale della vettura n°1. Il primo tentativo è annullato per il superamento dei limiti della pista in Curva 5. Max, quasi incredulo, chiede conferma che puntuale arriva dal muretto. Tutto da rifare. Cosa non difficilissima per la macchina disegnata da Adrian Newey. Al secondo assalto con lo stesso set di pneumatici Max non riesce a mettere in riga la truppa: P3 per l’olandese che scatterà alle spalle delle due McLaren.

Riordiamo che bastano solo tre punti a Verstappen per laurearsi campione del mondo. Max si accontenterà di ottenerli o cercherà di stravincere nel suo stile? Alle 20:30 circa sapremo come saranno andate le cose…


Autore: Diego Catalano – @diegocat1977

Foto: 
F1TV, Oracle red Bull Racing

Articoli Collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Collegato

3,584FansMi piace
1,032FollowerSegui
7,558FollowerSegui
- Advertisement -

Meteo Prossimo GP

Miami
poche nuvole
32.2 ° C
33 °
31 °
58 %
7.7kmh
20 %
Mar
33 °
Mer
29 °
Gio
29 °
Ven
29 °
Sab
28 °
- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -
Change privacy settings