domenica, Marzo 3, 2024

Vettel è pronto a difendere il titolo in Mercedes

2027: Vettel dovrà difendere il suo quinto titolo conquistato con Mercedes lo scorso anno dopo una lotta serrata, durata però metà campionato, con Hamilton e la Ferrari. Ancora una volta a Maranello hanno perso la gara degli sviluppi. Le nuove regole e le nuove monoposto introdotte l’anno passato hanno sancito la fine dell’iperuranico dominio Red Bull, che ha trionfato nel ciclo regolamentare 2022-2025.

Max Verstappen ha avuto gioco facile a diventare pentacampione, visto che mai nessuno è riuscito a sconfiggere la corazzata di Milton Keynes in quelle stagioni noiose e interminabili. Ma nel 2026 invece, è emersa con prepotenza, anzi è tornata agli antichi fasti, la super Mercedes. Complice probabilmente il nuovo regolamento dove l’unità ibrida diventa molto più importante rispetto al passato.

Vettel Mercedes
Adrian Newey – Oracle Red Bull Racing

Già nel 2025, quando Vettel ha fatto il grande ritorno in F1 accasandosi sotto la stella a tre punte, si erano visti netti miglioramenti sulla monoposto, con 5 vittorie all’attivo proprio in quel campionato. Ma nel 2026 non c’è stata storia per gli avversari. Il geniale Adrian Newey è andato in “pensione” lo scorso anno e in Red Bull evidentemente non sono riusciti a progettare una monoposto degna delle progenitrici. E così Max è rimasto a secco (appena due gran premi portati a casa).


Vettel in Mercedes: la difesa del titolo è possibile

Come ovvio, quest’anno il favorito d’obbligo è dunque Sebastian Vettel, probabilmente al suo ultimo “vero” anno da pilota di F1. Ed è facile immaginare che vorrà bissare il successo della passata stagione arrivando a sei titoli mondiali complessivi. Si sono spesi fiumi di parole sul cortocircuito HamiltonVettel.

Nel senso che se durante i suoi anni in Ferrari Sebastian non era mai riuscito a laurearsi campione del mondo, uscendo sempre sconfitto dal binomio HamiltonMercedes, lo scorso anno le cose si sono letteralmente invertite. Nulla ha potuto il Re Nero, apparso comunque in forma strepitosa con ben sei vittorie e 10 pole position, contro la sua ex squadra.

In attesa dei test prestagionali e del via del mondiale da Las Vegas fra due settimane (si corona il sogno di Domenicali), il presidente della rossa Piero Ferrari (succeduto a John Elkann dopo le note vicende legali che hanno interessato il rampollo di casa Agnelli) si è detto fiducioso di poter riportare finalmente a Maranello il titolo mondiale piloti che, ricordiamolo, manca dal 2007 (allora vinse Raikkonen), ed ha elogiato il team principal Toto Wolff per il suo lavoro nel motivare e rafforzare la squadra corse della rossa.

Vettel Mercedes
Sebastian Vettel – Mercedes AMG F! Team

Da parte sua Sebastian Vettel, parlando con i giornalisti di motorsport, ha ricordato con parole lusinghiere la sua esperienza in Ferrari, precisando che solo l’ultimo anno è stato davvero difficile, quando ormai l’allora Tema principale della rossa, Mattia Binotto (che dopo l’esperienza in Ferrari non ha più lavorato in F1) gli aveva preferito Sainz (ora in Audi).

In particolare Sebastian ha detto: “Mi è spiaciuto molto vincere contro la Ferrari, è stato come uccidere un parente caro, un genitore… avrei voluto coronare il mio sogno di vincere un titolo a Maranello, ci siamo andati vicini per due anni, poi la vita ti riserva sempre sorprese e mai avrei pensato di tornare in F1 addirittura con Mercedes… diciamo che Horner, che mi conosce bene, da Team Principal è stato abbastanza convincente!.

Cari lettori. Il fatto è che poi mi sono svegliato. Ed era solo un sogno. Brutto o bello non so neanche valutarlo, non so dirlo… ci sto ancora riflettendo. Tuttavia mi è restato lo strano retrogusto che poi, quel sogno, non fosse così campato in aria…


Autore: Mariano Froldi – @MarianoFroldi

Immagini: Scuderia FerrariMercedes AMG F1 Team

Articoli Collegati

1 commento

  1. @MarianoFroldi mangiato pesante prima di dormire?!
    “Quel sogno non fosse così campato in aria”?
    Nel tuo sogno praticamente Leclerc non esiste, declassato probabilmente al ruolo di spettatore, che poi non si capisce come mai Hamilton dovrebbe venire a 40 anni e prendersi la Ferrari contro un Leclerc più forte che mai… un po’ diverso da quando vennero Schumacher, Alonso e lo stesso Vettel, con i quali si poteva costruire un reale lungo ciclo (con Schumacher difatti lo fecero). Non capite che un Hamilton ora, dopo 7 titoli conquistati con i rivali, a 40 anni e soprattutto compagno di un fortissimo Leclerc, non avrà mai lo stesso ruolo di accentratore. Hamilton non è il salvatore della patria, la Ferrari ha già Leclerc che farà molto meglio.
    Poi Wolff in Ferrari, XD ma se Wolff ha un terzo di quote del team Mercedes, non andrá mai altrove. ????
    Menomale che era un sogno, comunque.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Collegato

3,584FansMi piace
1,032FollowerSegui
7,558FollowerSegui
- Advertisement -

Meteo Prossimo GP

Bahrain
nubi sparse
16.1 ° C
16.1 °
13.1 °
52 %
3kmh
79 %
Dom
21 °
Lun
22 °
Mar
22 °
Mer
22 °
Gio
21 °
- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -
Change privacy settings