Binotto: l’intesa sul Patto della Concordia e la guerra a Racing Point…

0
Binotto
Mattia Binotto, team principal Scuderia Ferrari

Binotto: l’intesa sul Patto della Concordia e la guerra a Racing Point…


Tanti temi oggi a Silverstone da affrontare per Mattia Binotto, di cui ha  ampiamente parlato ai microfoni di Sky Sport F1. Si inizia, ovviamente, dall’argomento principale di giornata, ovvero la sentenza emessa in mattinata sul caso Racing Point dopo il reclamo di Renault. Ricordiamo: 15 punti detratti al team nel Mondiale Costruttori e 400.000 mila dollari di multa per il GP di Stiria, reprimenda per le altre due gare.

Binotto: “Si tratta di un provvedimento di 14 pagine: le leggeremo attentamente per decidere cosa fare dal nostro punto di vista, anche perchè ci sono 24 ore per decidere  se intavolare un eventuale appello. Di certo, però, è stato commesso un errore regolamentare da parte di Racing Point: resta da capire se la penalità comminata sia sufficiente o meno ed esistano eventualmente altre implicazioni.”

Binotto: l'intesa sul Patto della Concordia e la guerra a Racing Point...
Racing Point, RP20

Ferrari aveva indirizzato una missiva con una richiesta di chiarimento alla FIA: “La nostra lettera alla FIA non riguarda solo le prese d’aria dei freni, bensì l’intero concetto della RP20, quindi è una cosa che va separata dal verdetto di oggi , specifico sul quel componente che, però, potrebbe, appunto, allargare il discorso sull’intero concetto della monoposto.”

Binotto annuncia l’imminenza della firma del Patto della Concordia da parte di Scuderia Ferrari: “Siamo pronti a siglarlo, ci sono solo alcuni piccoli dettagli legali da rifinire, ma sui concetti di base siamo d’accordo. Entro il 12 agosto si dovrebbe poter firmare.”

Si passa alle prospettive della scuderia per il fine settimana del GP del 70° anniversario: “Già lo scorso WE abbiamo portato qui a Silverstone un’ala molto più scarica, facendo qualcosa di diverso rispetto ai nostri concorrenti, a dimostrazione che a Maranello si lavora su vie alternative che conducano ad un vantaggio prestazionale in pista rispetto a quanto visto finora.”

Binotto: l'intesa sul Patto della Concordia e la guerra a Racing Point...
Sebastian Vettel, SF1000, FP Gp del 70° Anniversario

Differente la situazione fra i due piloti, con Leclerc reduce da un GP di Gran Bretagna positivo e Vettel in difficoltà causa dei multipli problemi tecnici subiti nelle libere di una settimana fa, senza poter settarsi la vettura. Binotto: “Lo scorso fine settimana Charles, aiutato dai suoi ingegneri, ha gestito molto bene le sue gomme, raccogliendo così il meglio fosse possibile per noi in gara. Nelle FP1 era importante cercare di aiutare Sebastian a ritrovare confidenza con la SF1000. Stamattina ha girato con molto più carico rispetto a quanto non ne avesse settimana scorsa rispetto a Leclerc.”

Purtroppo, però, a sei minuti dal termine delle FP2, il tedesco ha accusato un grave problema di affidabilità che lo ha costretto a fermarsi mentre era  impegnato nella simulazione di long run con gomma gialla. Dopo un passaggio sul cordolo, una copiosa perdita di liquidi da sotto la vettura, con Ferrari che subito fa sapere che si è trattato di un guasto alla power unit.

Binotto: l'intesa sul Patto della Concordia e la guerra a Racing Point...
Box Ferrari, circuito di Silverstone

A proposito di gomme, Pirelli per il GP del 70° anniversario ha portato mescole di più morbide di un compound (C2/C3/C4 contro le C1/C2/C3 di sette giorni fa) decidendo di aumentarne la pressione (+2 psi per gli pneumatici anteriori e +1 psi per i posteriori) dopo i problemi di usura visti negli ultimi giri della corsa britannica. Ancora Binotto: “Questa mattina bisognava capire le gomme più morbide che, tutto sommato, si sono comportate bene sul giro secco.”

Il team principal della Rossa che ufficialmente non è più direttore tecnico, riassume i ruoli attualmente in vigore: “Muovendomi in qualità di TP, non potevo più ricoprire anche la mansione di DT, ho smesso di farlo. L’organigramma sulla parte telaistica vede impegnate due persone chiave: Enrico Cardile, che cura la parte di sviluppo della prestazione, e Simone Resta cui è affidata la realizzazione della vettura su indicazione degli sviluppi pensati.”


Autore: Elisa Rubertelli – @Nerys__

Foto: Ferrari – Formula UnoRacing PointAlessandro Arcari – @BerrageizF1 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui