Vettel non molla: “Le sensazioni in macchina sono migliorate”

0
Sebastian Vettel, Ferrari, Silverstone, stagione2020

Vettel non molla: “Le sensazioni in macchina sono migliorate”


Nonostante sia difficile notare un miglioramento osservando la classifica finale delle seconde libere di giornata, cronometro alla e immagini video alla mano, è sembrato un Vettel migliore rispetto a quello visto nelle ultime due settimane a Silverstone. I tracciati sono diversi però a fronte del mezzo secondo rimediato cronicamente ad ogni sessione in Gran Bretagna nei confronti del proprio compagno di squadra, i 250 millesimi odierni sono senz’altro buona cosa. Inoltre in pista Seb è sembrato anche molto più combattivo. Certo qualche controllo qua e là non è mancato, non è che si cambia telaio e si trasforma una zucca in una carrozza, però un passo avanti sembrerebbe esserci stato.

Il problema è che oggi in 4 decimi ci si son concentrati sei team, sette se contiamo Albon alle sue spalle in 13° posizione (Haas, Ferrari, McLaren, Racing Point, Renault, AlphaTauri e Red Bull). La sensazione è che se la Ferrari non riuscirà a tirare fuori qualcosa in più degli altri, la lotta in Q2 potrebbe riservare ancora qualche sopresa, causando ancora qualche esclusione di lusso dalla Top Ten.

Vettel non molla: "Le sensazioni in macchina sono migliorate"
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Barcellona 2020

Quella di oggi è stata una giornata a due facce. Sono stato ragionevolmente soddisfatto del mio miglior giro in configurazione da qualifica, ma poi nel pomeriggio ho faticato. Non siamo riusciti a mettere tutto assieme e ad ottenere una buona prestazione”. Vettel, anche se non è riuscirìto a migliorare quanto avrebbe voluto, ha comunque rivelato di essersi trovato meglio al volante della SF1000: “In senso assoluto posso dire però ho avuto delle sensazioni migliori dalla vettura. Abbiamo provato un po’ di regolazioni e imparato qualcosa che ci può essere utile domani. Non vedo l’ora che arrivi domani pomeriggio per vedere come si comporterà la vettura in qualifica”.

Il fattore che desta maggiore preoccupazione nel tedesco è il caldo che sicuramente giocherà un ruolo importante sulle strategie e quindi sull’esito finale del Gp: “Il passo gara mi è sembrato buono anche se sotto diversi aspetti c’è ancora del lavoro da fare. Soprattutto per quanto riguarda la gestione delle gomme che con le temperature alte che ci aspettiamo sarà cruciale e tutt’altro che facile.”


AutoreMarco Sassara – @marcofunoat

Foto: Ferrari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui