Pagelle Gp Russia 2020

0

Sochi, 27 settembre. Pagelle Gp Russia 2020

Valtteri Bottas vince il Gran Premio di Russia! Il finlandese precede Max Verstappen e un penalizzato Lewis Hamilton. 6^ posizione per Leclerc; fuori dai punti invece l’altra Ferrari di Vettel.

Ma vediamo insieme i voti di questa gara:

Mercedes: 7 al team; 9 a Bottas; 5 a Hamilton

Bottas che torna alla vittoria dopo la gara inaugurale in Austria. Al venerdì dimostra di essere “in palla”, ma in qualifica si prende un abisso da Hamilton e viene superato anche da Verstappen. La domenica, scatta bene e si mette subito 2°, poi si ritrova in testa grazie alla sanzione di Lewis e domina alla grande. Speriamo sia un punto di ripartenza per lui… Penalità da rookie quelle rimediate oggi dall’inglese. Prima di schierarsi in pista, prova la partenza per ben due volte dove non è consentito, nonostante durante le libere l’abbia fatto sempre nella piazzola corretta. In ogni caso, oggi, il ritmo del finlandese era più forte, soprattutto con gomma hard. Forse, l’avessero fermato qualche giro dopo poteva arrivare 2°…

Red Bull: 6 al team; 8.5 a Verstappen; 6 a Albon

Decisamente un buon weekend per Verstappen dopo i due zero rimediati nelle gare italiane. In qualifica trova il giro perfetto ed è 2°; in gara si fa superare da Bottas al via, poi, sapendo di non poter lottare con Mercedes, gestisce molto bene il suo ritmo e il podio è servito. Non altrettanto si può dire per Albon: in qualifica entra in Q3, ma è 10°. Parte con penalità causa sostituzione del cambio e si ferma subito durante la safety car dei primi giri, tuttavia questo lo fa precipitare in fondo e lo costringe ad una seconda sosta. Chiuderà 10°, con qualche bel sorpasso all’esterno, ma la differenza con il compagno è abissale.

Max Verstappen in azione durante il Gp di Russia

Racing Point: 6 al team; 7.5 a Perez; 4 a Stroll

Bene il messicano, 4° in qualifica e 4° in gara un po’ in terra di nessuno: nonostante al via perda la posizione sui due piloti Renault, poi il passo non è male. Non a livello di chi gli è davanti, ma nemmeno da essere attaccato di chi lo segue. Al contrario, insufficiente Stroll: in qualifica manca il primo tentativo in Q2 e poi rimane escluso dopo la bandiera rossa a causa di un inconveniente tecnico; in gara rimane coinvolto in un incidente al via e deve ritirarsi subito. Tutte le novità portate dal team sono montate sulla sua vettura, ma i punti arrivano da Perez...

Renault: 5 al team; 7.5 a Ricciardo; 6 a Ocon

Anche per Ricciardo si può fare lo stesso discorso di Perez: 5° in qualifica e 5° in gara. Peccato che con lui, forse, si poteva raccogliere qualcosa in più. Al via perde la posizione sul compagno e rimane alle spalle del francese anche dopo la sosta nonostante sia evidente che il suo passo fosse migliore. Avessero dato l’ordine di scuderia prima, Perez era attaccabile. Sufficiente Ocon: ottimo in partenza, ma sul ritmo gara gli manca qualcosa. Tuttavia chiude 7° e non è male.

Daniel Ricciardo durante il Gp di Russia

Ferrari: 4 al team; 7 a Leclerc; 5 a Vettel

Non si può di certo dire che la prestazione discreta rispetto alle ultime tre gare sia dovuta agli aggiornamenti arrivati, tuttavia qualcosina di meglio si è visto. Vettel in qualifica capisce che rimarrà escluso in Q2, spinge oltre il limite e va in barriera. Questo porta alla bandiera rossa e al caos che costringerà fuori anche Leclerc. Con il senno di poi, però, forse è stata una buona cosa per il monegasco, almeno è potuto partire con gomma gialla con la quale aveva un buon ritmo. Il tedesco che fa da tappo ai Renault dopo la loro sosta, poi, lo aiuta a far conquistare la posizione al compagno, ma il suo passo è sempre stato inferiore a quello di Leclerc. C’è comunque tanto da lavorare…

Alpha Tauri: 7 al team; 6.5 a Gasly; 7 a Kvyat

Uno weekend tutto sommato positivo per loro chiuso in 8^ e 9^ posizione. Kvyat rimane escluso in Q2, tuttavia questo gli permette di partire con gomma dura e grazie ad un buon passo gara si ritrova anche in 4^ posizione per alcuni giri. Gasly, invece, scatta bene dalla 9^ piazza, poi tenta qualcosa di diverso fermandosi una seconda volta durante la virtual safety car, che però dura troppo poco e non paga come sperato.

Alfa Romeo: 6 al team; 7 a Giovinazzi; 6 a Raikkonen

I punti non arrivano; la macchina sappiamo quello che è. Detto ciò, però, lato Giovinazzi qualcosa di buono si vede: in qualifica è 17°, ma in gara riesce ad avere un ritmo discreto e a chiudere in 11^ posizione. Non si può dire lo stesso per Raikkonen, che in qualifica manca l’ultimo giro a causa di un suo errore e si ritrova ultimo; in gara il passo non è male con gomma hard, tant’è che risale fino alla 9^ posizione. Dopo la sosta, però, scende nuovamente in fondo e chiuderà 14°.

Antonio Giovinazzi in azione durante il Gp di Russia

Haas: 6 al team; 7 a Magnussen; 5 a Grosjean

Un po’ lo stesso discorso di Alfa Romeo: in qualifica i piloti rimangono esclusi in Q1; in gara, il loro scatto al via è ottimo ed entrambi si ritrovano in zona punti. Tuttavia, poi, il ritmo viene via via sempre meno e le posizioni scalano. Il danese chiuderà 12°; il compagno 17°, alle spalle anche di una Williams. Cosa che gli costa l’insufficienza.

McLaren: 4 al team; 5 a Norris; 4 a Sainz

La qualifica è anche buona per loro con lo spagnolo in 6^ posizione e l’inglese in 8^. Poi il disastro. Al via, Sainz va lungo in curva 2, ma nel rientrare in pista seguendo le indicazioni dei paletti, commette un errore e va a sbattere. Norris passa sopra tutti i detriti e si ferma subito durante la safety car, tuttavia questo lo fa precipitare in fondo e lo costringe a due soste. Il suo ritmo, comunque, non è mai stato eccezionale; abbiamo visto delle gare decisamente più competitive per loro…

Williams: 3 al team; 6 a Russell; 5 a Latifi

Sono il fanalino di coda del gruppo e per distacco, ma ancora una volta in qualifica Russell dimostra di essere un buon pilota portandosi nuovamente in Q2 e assestando il 10-0 al compagno. Il ritmo poi non c’è, ma non è una novità…

Autore: Alessandro Rana – @AleRanaF1

Immagini: Mercedes; Red Bull; Renault; Alfa Romeo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui