Ferrari modifica la Sf1000 per cercare carico al posteriore

0
Ferrari

Ferrari modifica la Sf1000 per cercare carico al posteriore


Sciagurata, resterà nella storia. Al pari di altre annate dove nulla ha funzionato. Pessima e sotto diversi punti di vista avvilente, la stagione in corso della Ferrari esprime reiteratamente un concetto: impotenza. L’impossibilità creata dal regolamento di stravolgere un progetto in corso, ha senza dubbio complicato ulteriormente le cose. Solamente dopo mesi di studio pertanto, in Russia sono arrivati i primi correttivi. Sotto questo aspetto l’obbiettivo è chiaro: cercare di indirizzare la monoposto verso un percorso utile anche per la prossima stagione. Come scritto nell’anteprima (click qui per saperne di più), attualmente il grosso problema della vettura è legato al bilanciamento. 

Ma trovare downforce al posteriore creando una migliore “intesa” tra gli assali della vettura, potendo così sbloccare parte del potenziale della Ferrari spremendola al meglio, non è l’unica finalità. Risulterà infatti fondamentale per il futuro risolvere il fastidioso “stallo aerodinamico”, capace di far perdere improvvisamente carico alla monoposto creando enormi grattacapi ai piloti. Utilizzare un assetto specifico per ovviare a questi problemi, senza poter metter giù in pista la configurazione ottimale, rende la SF1000 peggiore di quello sembra. 

Grazie alle immagini dell’amico Albert Fabrega, proventi direttamente dal box del Nürburgring Gp-Strecke, possiamo notare il lavoro di fino svolto dagli ingegneri italiani nella parte centrale della monoposto.

Ferrari

Rispetto alla versione precedente, il boomerang superiore non poggia più su quello inferiore, ancorato direttamente al fondo grazie ad un profilo verticale. Anche il primo dei due direzionatori di flusso ha subito un piccolo restyling, con una sezione più piccola anch’essa ancorata al medesimo supporto. Inoltre, nella parte iniziale del fondo è stato creato una sorta di profilo aerodinamico per cercare di incanalare sotto la vettura un maggior quantitativo d’aria. Flusso energizzato dalla nuova conformazione dei bargeboards. Una novità che potrebbe dare alla Sf1000 qualche kg di downforce in più al retrotreno, rendendo il posteriore più stabile e con un comportamento più prevedibile.


Autori:  Alessandro Arcari – @BerrageizF1Cristiano Sponton – @csponton

Foto: Albert Fabrega@AlbertFabrega

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui