Leclerc: “Inspiegabile il gap dalla Red Bull”

0
Charles Leclerc, Ferrari, stagione 2020

Leclerc: “Inspiegabile il gap dalla Red Bull”


Di solito non ci si sottrae ad essere i primi critici della Ferrari, però quest’oggi, sinceramente non ce la si sente di spararle proprio contro e addossarle tutte le colpe di una qualifica disastrosa. Certo l’amarezzza c’è. Soprattuto dopo un venerdì e un sabato mattina pimpanti, dove Charles Leclerc aveva ben figurato. Sempre molto vicino alle prestazioni della Red Bull numero 33 di Max Verstappen. In condizioni d’asciutto e in condizioni di umido (il tempo delle FP3, che era valso a Charles la seconda posizione è arrivato su Intermedie) il monegasco si è sempre contraddistinto in questi primi due giorni.

In qualifica però è venuto a piovere, e tanto. Così tanto in poco tempo, dalle 13:00 alle 13:40 italiane circa (periodo di tempo in cui si è deciso di sospendere anche la Q1, ripresa poi alle 13:55), che poi la pista, nonostante ci fossero ancora due intere sessioni di fronte, ha fatto fatica ad asciugarsi (è stato possibile montare le intermedie solamente negli ultimi minuti della Q3). Le condizioni da Full Wet hanno penalizzato tantissimo le due Rosse con Leclerc (qualificatosi 14°) che non sa neanche decifrare una simile prestazione: Al momento non ho spiegazioni su quanto accaduto oggi. Solitamente sono ottimista, ma non riesco veramente a capire cosa sia davvero successo.” ha dichiarato il talento della Ferrari a ‘Sky Sport F1’.

Charles Leclerc, Gp Turchia 2020, qualifiche

“Le condizioni non erano molto diverse a quelle avute in mattinata, quando avevo molto fiducia nella macchina. Le qualifiche sono state disastrose. Non riuscivo a tenere la vettura in pista. Terminare a sei secondi dalla Red Bull poi lo trovo abbastanza inspiegabile” chiosa un incredulo Charles al termine delle sessioni odierne. “Posso non essere stato perfetto, lo riconosco, ma sei secondi sono tanti. Non so come spiegarmelo. Dobbiamo analizzare il tutto per cercare di capire perché quando piove andiamo così in difficoltà. Il distacco oggi è veramente troppo grande”.

Ovviamente c’è tanto rammarico e tanta delusione nelle sue parole. Non tanto per essere stato battuto da Sebastian Vettel (classificatosi 12°), ma soprattutto perché, dopo esser stato al vertice per tutta la fase di preparazione, ritroarsi poi a partire in gara dalla 14° casella è senz’altro un duro colpo. Non è la prima volta che il Cavallino va in difficoltà una volta montate le gomme da bagnato estremo non riuscendole a portare in temperatura (questo è stato il vero problema), e non solo nel 2020. Va bene che si corre in estate e l’80% delle volte lo si fa in condizioni d’asciutto, ma può anche capitare di avere delle sessioni con pioggia qua e là nel corso del campionato. Magari una messa a punto anche a questa evidenza, non sarebbe poi così superflua.

Intanto giunge notizia che Sainz (McLaren) è stato penalizzato di tre posizioni per aver ostacolato Perez nel corso della Q2. Carlos Sainz partirà così dalla 16° casella, permettendo a Charles Leclerc di scattare dalla 13°. Quantomeno, avrà la possibilità di partire sul lato più pulito.


AutoreMarco Sassara – @marcofunoat

Foto: Ferrari – F1

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui