Primi giorni a Maranello per Sainz: “Miglioramenti già visibili”

0
Carlos Sainz Jr, Scuderia Ferrari, stagione 2021

Primi giorni a Maranello per Sainz: “Miglioramenti già visibili”


Cosa sarà in grado di fare la Ferrari nel 2021 è un grande mistero. Con le norme che resteranno più o meno stabili, alcune modifiche a parte, non ci si attende un grande stravolgimento della griglia di partenza. Le ‘uniche’ (a meno di colpi di scena comunque sempre possibili) squadre che potrebbero/dovrebbero incrementare la loro competitività sono la Ferrari (con i clienti Alfa Romeo e Haas al seguito per via dell’introduzione di una nuova power unit) e McLaren che passerà alla motorizzazione Mercedes.

Ovviamente l’attenzione di tutti, non ce ne voglia il team britannico, è posta sulla storica scuderia italiana perché anche come recentemente espresso dal nuovo CEO della categoria, Stefano Domenicali, ai microfoni di ‘Sky Italia’, la Formula Uno ha un disperato bisogno di vedere la Rossa di Maranello tornare a lottare per le posizioni di vertice: “Abbiamo tutti bisogno che la Ferrari sia competitiva e torni a giocarsi le proprie carte. Sia Toto Wolff che Christian Horner come tutti gli altri team principal se lo augurano per avere uno spettacolo che sia ancora più attraente…”

Primi giorni a Maranello per Sainz: "Miglioramenti già visibili"
Stagione 2019, Stefano Domenicali (allora Presidente e CEO Lamborghini) e Mattia Binotto (team principal Ferrari)

“Il contesto non è assolutamente dei migliori” ha proseguito il manager italiano, “ma rispetto a quanto accaduto la scorsa stagione, sono convinto che quest’anno le cose miglioreranno per loro. Nonostante i regolamenti stabili, il team ha avuto la possibilità di lavorare duramente sulla power unit e sicuramente questo gli permetterà di ricucire un po’ di quel gap che si diceva essere presente lo scorso anno. Mi attendo dunque una Ferrari più forte e più vicina all’obiettivo di tornare in lotta per la vittoria”.

I miglioramenti ci saranno e sono ben visibili anche dai dati, che Carlos Sainz ha potuto visionare nel corso delle sue prime giornate di lavoro a Maranello: Si possono vedere già alcuni segnali positivi e miglioramenti da parte della Ferrari il commento del madrileno a ‘Crash.net’. “Questo in gran parte è dovuto al fatto che potremo contare sull’utilizzo di un nuovo motore. Penso comunque che il 2021 si rivelerà un anno difficile per tutti. Sappiamo quanto sia forte la Mercedes e in assenza di un grande cambiamento regolamentare le probabilità che continui a dominare come in passato sono molto elevate”.

Ovviamente, per quanto il miglioramento si possa rivelare tangibile anche dall’esterno, è impensabile riuscire a raggiungere gli epta-campioni del mondo con il solo upgrade di motore (si parla di una trentina di cavalli in più rispetto al 2020, quando il gap dalla Mercedes, ad agosto, leggi qui, si stimava essere attorno ai 40 Cv). Di certo poi, a Brixworth non saranno rimasti con le mani in mano nel frattempo…

Primi giorni a Maranello per Sainz: "Miglioramenti già visibili"
Power Unit Ferrari, SF1000, stagione 2020

“Detto questo” ha continuato il pilota spagnolo, “penso che la Ferrari e tutti gli altri all’infuori di Mercedes dovrebbero concentrarsi maggiormente sul 2022 e cercare di approfittare della nuova era regolamentare per rendere la squadra più competitiva. La Ferrari sa che questa sarà per lei una grande opportunità e sono fiducioso che tenterà di coglierla. Il 2021 in un certo senso sarà un anno di transizione”. Già Binotto nel mese di gennaio aveva rilasciato una dichiarazione simile scatenando qualche malumore (leggi qui). Ma bisogna essere onesti con i fan, non si tratta di mettere le mani avanti. Anche se nel 2021 dovesse arrivare qualche piccola gioia in più rispetto al 2020, il team non potrà avere quella competitività tale da lottare frequentemente per vittorie e podi.

La scelta di spostare l’attenzione al 2022 dunque è più che logica e sarebbe opportuno che, sotto il consiglio di Sainz anche tutte le altre squadre lo facciano a loro volta. Ovviamente avere un tale dominio, per Mercedes non può che costituire un doppio vantaggio, perché, a meno che la Red Bull non le stia addosso peggio di una zanzara ad agosto, gli uomini di Stoccarda potrebbero concedersi anche il lusso di spostare l’attenzione sulle nuove normative riuscendo ad ottenere in scioltezza entrambe le ennesime corone iridate.

Primi giorni a Maranello per Sainz: "Miglioramenti già visibili"
Carlos Sainz Jr effettua la prova sedile per la Ferrari

Dunque il 2021 sarà un altro anno da gettare alle ortiche per tutti gli avversari della Stella a tre punte? Ovviamente no, e Carlos Sainz Jr, ha le idee abbastanza chiare anche a tal proposito: “Cercherò di approfittare di questo periodo per costruire dei buoni rapporti all’interno del team, prendere confidenza con la vettura e farci così trovare pronti per il 2022. Si partirà da un foglio bianco, dunque fare bene a quel punto avrà certamente più importanza rispetto ad ora”.

“Sono pronto ad affrontare qualsiasi sfida che mi si porrà dinanzi” la chiosa dello spagnolo. “Il mio più grande obiettivo in F1 è quello di diventare campione del mondo. Sono pronto a fare questo passo assieme alla Ferrari e vedere come va. Mi sento pronto al 100%”. Il percorso è lungo e pieno di ostacoli, ma prima o poi, dopo una grande mareggiata arriva sempre il sereno… La nave della Ferrari tra annate storte, progetti sbagliati, cambiamenti al vertice (tra l’altro resta ancora da designare quello che sarà il prossimo amministratore delegato dopo le dimissioni di Louis Carey Camilleri), si trova ancora nel cuore della tempesta.

Ora bisogna cominciare ad affrontarla con forza e decisione. Generalmente si tende a cercare di riparare l’irreparabile trovandosi sempre tra le mani qualcosa che di base è rotto. A volte è più difficile distruggere completamente quello che si ha e dedicarsi alla costruzione di qualcosa di nuovo. Questo è quello che si ritroverà a fare la Ferrari nel 2021, lasciare andare il vecchio progetto per concentrarsi sul nuovo, non curandosi magari delle critiche che potrebbero arrivare in tal caso… Sarebbe una decisione molto coraggiosa. Vedremo se si avrà la forza di intraprenderla.  


AutoreMarco Sassara – @marcofunoat

Foto: Formula Uno – Ferrari – Alessandro Arcari – @berrageiz

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui