Essere Sebastian: polvere di stelle

Sebastian Vettel vola, aggredisce, sorpassa. Astuto come una volpe, ferale come uno spadaccino. Danza tra i muri, galoppa sul dritto, prepara la sua rimonta in punta di fioretto. Stoccate maliarde, che appaiono l’una dopo l’altra, come se una bacchetta magica avesse trasformato Honey Ryder da zucca in carrozza. Ma non c’è nessuna fata ad operare l’incanto, perché Seb fa tutto da solo. Così crollano i castelli di carte dei detrattori, fogli di giornali o pagine web imbrattate da inutili sentenze, castelli in aria, fritta, in cui si perpetrano sproloqui e banalità.

Sotto alle mura del castello Sebastian riscrive la sua storia. Quella che prende una piega diversa, quella che riesce a ricucire dopo una qualifica sfortunata, strappata sul più bello. Ma Vettel non si perde d’animo, capitalizza la possibilità di poter scegliere le gomme, sfrutta a dovere uno splendido set di nuovissime soft, scarpe di cristallo che permettono di ballare avanti allo start. Due posizioni, tanto per cominciare. E poi via fino alla sosta, un altro capolavoro che permette di recuperare terreno, di avanzare spavaldi.

Essere Sebastian
Sebastian Vettel, secondo classificato al Gran Premio dell’Azerbajian

Sebastian volteggia senza posa e senza foga, sicuro, leggiadro. Honey Ryder novella Tersicore, musa della danza, in perfetto accordo con il principe ballerino. Il bilanciamento è ottimo, la confidenza è totale: in queste condizioni Vettel non teme nessun avversario. Blasonati sfidanti crollano o sbagliano, traditi dalla vettura o da se stessi. E Seb ne approfitta, li sorprende, li infila. Magistrale su Leclerc e Gasly, impeccabile alla ripartenza. Gioca d’astuzia, sfruttando ogni occasione. I protagonisti scompaiono, inghiottiti nel gorgo dell’oblio, condannati da un cedimento o da un errore microscopico. Verstappen è sconsolato, Hamilton desolato. I più attesi lasciano la scena a capo chino, i più indifesi alzano la testa e calzano la corona.

Essere Sebastian
Sebastian Vettel festeggia con la squadra a Baku.

Sebastian regala il primo podio all’Aston Martin, torna re, accarezza l’impresa. Nessuna nota stonata nel suo week end, che pareva iniziato con la luna storta e invece lo conferma astro “al settimo cielo“, padrone del suo spazio, lanciato nel firmamento. Abbracci e sorrisi lungamente attesi, tristemente serbati, che finalmente fanno capolino all’ombra delle mura. La stessa ombra che Vettel si scrolla di dosso, facendola diventare polvere di stelle.


Autore: Veronica Vesco – @VeronicagVesco –

Foto: Aston Martin Cognizant team

Veronica Vesco
Il candore di un foglio bianco che m'invita alla scrittura. Il fragore di una monoposto rossa che accende la mia natura. Due colori tratteggiano il mio profilo fin dall'infanzia. Due colori capaci di accompagnarmi nel tempo, assumendo molteplici tonalità, sfumate dagli eventi della vita. Da una penna a una tastiera. Da un'auto a pedali agli autodromi. Da una laurea in Lettere al primo libro. Sempre nel segno di una Ferrari. Sempre con il sogno di cavalcare le mie passioni.

Related Articles

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

3,584FansLike
1,032FollowersFollow
4,006FollowersFollow

Meteo Prossimo GP

Sochi
cielo coperto
13.9 ° C
14.1 °
13.9 °
90 %
2.4kmh
100 %
Sab
14 °
Dom
19 °
Lun
18 °
Mar
19 °
Mer
19 °
- Advertisement -

Latest Articles

- Advertisement -
Change privacy settings