Mercedes preoccupata: istituita “allerta” sulla stato della PU di Bottas

Quando ci siamo svegliati ieri mattina non immaginavamo che Valtteri Bottas avrebbe preso parte al Gran Premio di F1 da una posizione così arretrata. Considerando però che il piazzamento conquistato in qualifica non era dei più ottimali, 7° casella, il team Mercedes prima di pranzo ha diramato un comunicato dove spiegava che il finlandese sarebbe scattato dalla 16° posizione in griglia usufruendo della 5° unità di potenza stagionale. Un’opportunità tattica per andare allargare il parco motori nel ‘“pool” di quelli disponibili.

La W12 numero 77, tra incidenti e diversi problemi di affidabilità, era già stata equipaggiata con la quarta specifica a Monza. Nell’occasione erano stati sostituiti il motore termico a combustione interna, il turbocompressore, il moto generatore di energia cinetica, il moto generatore di corrente e la centralina di controllo. In un primo momento le cause della scelta compiuta ieri sembravano legate ad una strategia di gara: la partenza dalle retrovie di Max Verstappen (Red Bull), oltre essere l’occasione giusta per fare scorta di elementi in vista del finale di stagione, poteva essere vista come tattica per ostacolare la rimonta dell’olandese.

Lo scenario è però cambiato con il passare delle ore. La “vecchia” power unit aveva dato segnali di allarme al termine delle qualifiche e se non si fosse provveduto ad una sostituzione probabilmente Bottas non sarebbe stato in grado di concludere nemmeno il Gran Premio. Affermazioni rilasciate dallo stesso Valtteri al termine dell’appuntamento e confermate successivamente anche dal team principal Toto Wolff.

F1
il finlandese Valtteri Bottas a bordo della sua Mercedes W12 durante il weekend del Gran Premio d’Olanda edizione 2021

Mercedes ha istituito una sorta di “allerta” attorno all’unità di potenza introdotta in Italia. Secondo le ultime informazioni, infatti, si sono verificate diverse anomalie che attualmente non permettono alcun tipo di previsione sullo stato di salute meccanico e sulle performance che riuscirebbe a fornire al pilota. Non si ha la certezza, dunque, che la 4° specifica possa tornare a disposizione per la parte conclusiva della stagione.

La squadra si riserverà di effettuare con calma le proprie analisi e valuterà nelle prossime gare l’eventuale necessità di utilizzare un’ulteriore unità. Nel mentre, nella pausa che divide il Circus dal Gran Premio di Turchia, la scuderia di Brackley cercherà di identificare i problemi nel reparto ad alta tecnologia Mercedes AMG High Performance Powertrains situato a Brixworth, dove i tecnici anglo-tedeschi cercheranno di prendere le opportune contromisure del caso.  


F1-Autore: Marco Sassara – @marcofunoat

Foto: F1 – Mercedes

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

3,584FansLike
1,032FollowersFollow
4,128FollowersFollow

Meteo Prossimo GP

Austin
cielo coperto
9 ° C
11.2 °
8.3 °
39 %
2.1kmh
100 %
Sab
11 °
Dom
20 °
Lun
20 °
Mar
22 °
Mer
20 °
- Advertisement -

Latest Articles

- Advertisement -
Change privacy settings