Ferrari: due gare difficili in attesa degli up date

0
Ferrari: due gare in sofferenza in attesa dell’all-in d'Ungheria…
Mattia Binotto, team principal della Scuderia Ferrari

Ferrari: due gare difficili in attesa degli up date


Lo si era già detto dopo i test invernali e Mattia Binotto ce lo aveva subito confermato. Senza girarci troppo attorno, la verità è che la SF1000 è nata male. I tifosi che speravano in una mossa strategica per poi uscirsene nelle prime gare a mo’ di effetto sorpresa, sicuramente resteranno delusi. A pochi giorni dall’inizio delle attività sul circuito di Spielberg il team principal ha parlato, ribadendo i concetti precedentemente espressi a febbraio: la Ferrari SF1000 così com’è ora non garantisce di lottare per il titolo mondiale.

A Maranello però non hanno sprecato il tempo a piangersi addosso! Si son riboccati le maniche ed hanno lavorato duramente. L’unico problema è che a causa del poco tempo a disposizione (considerando tutti i problemi derivanti dal coronavirus e dalla chiusura delle fabbriche) i risultati del sudore versato si vedranno solamente in Ungheria, ovvero nel terzo appuntamento stagionale. Questo fine settimana l’auto funzionerà nella stessa configurazione utilizzata verso la fine dei test di Barcellona afferma Binotto che decide di iniziare il discorso partendo subito dalle ‘buone notizie.’ “Questo non significa che in tutto il periodo lontano dalle corse siamo rimasti a girarci i pollici. La verità è che il risultato dei test ci ha portato ad effettuare un significativo cambio di direzione in termini di sviluppo. Soprattutto per quanto concerne l’aerodinamica.”

Detto così, sembra una situazione abbastanza grave e in effetti lo è. Prendere una simile decisione porta con sé una fase di riprogettazione, da cui ne deriva una ‘perdita di tempo‘ enorme nei confronti di chi, facendo un paragone con il poker, si è già ritrovato con un tris in mano… “Innanzitutto, abbiamo dovuto capire perché non abbiamo visto i risultati che ci attendevamo in pista. Il passo successivo è stato quello di capire come agire per ricalibrare l’intero programmaha continuato il tecnico italo-svizzero. Riprendendo l’esempio del famoso gioco di carte, adesso si è un po’ nella situazione in cui i giocatori hanno visto la propria mano ed hanno la possibilità di fare dei cambi. Red Bull e Mercedes ne sostituiscono due (qualcosina da rivedere avevano anche loro), nella speranza entri un full o un poker. La Ferrari, con nemmeno una coppia servita, ne cambia 4 e tenta la sorte alla ricerca di un solo punteggio utile: la scala reale.

Ferrari: due gare difficli in attesa degli up date
Ferrari SF1000 e Charles Leclerc in pista a Fiorano

“Sarebbe stato controproducente continuare nella direzione scelta in precedenza: non avremmo raggiunto i nostri obiettivi. Pertanto, abbiamo deciso di elaborare un nuovo piano di lavoro che riguardasse l’intera macchina, sapendo che non tutto sarebbe stato pronto per la prima gara. Il nostro obiettivo è introdurre gli aggiornamenti nella terza gara del 19 luglio presso l’Hungaroring. In Ungheria, grazie agli sviluppi saremo in grado di misurare il nostro vero potenziale rispetto ai nostri rivali, tenendo conto che nel frattempo avranno introdotto a loro volta delle novità.” Quella di mutare radicalmente approccio sicuramente non è stata una scelta facile da prendere e alla Scuderia, una volta tanto, va riconosciuto di aver avuto coraggio. Certo c’è la consapevolezza che in Austria si faticherà, ma l’Ungheria non è distante e se si sarà riusciti ad orientare lo sviluppo finalmente nel verso giusto, allora sarà un male che gli verrà sicuramente perdonato.

“Oltre allo sviluppo reale della macchina stessa, in queste ultime settimane abbiamo lavorato molto sull’analisi del suo comportamento. Sappiamo di non possedere il pacchetto più veloce al momento insiste come un martello Binotto, ignaro che le sue parole sono come chiodi nel cuore degli appassionati. Lo sapevamo già prima di andare a Melbourne e ciò non è cambiato. Abbiamo passato molte ore al simulatore grazie all’aiuto dei nostri piloti. Penso che questo ci darà modo di dimostrare il nostro valore in Austria”. Lo step più importante lo si vedrà come detto tra poco più di due settimane, ma secondo le nostre fonti qualche correttivo, anche se di lieve entità (leggi qui), sarà presente sulla SF1000 anche a Spielberg.

Ferrari: due gare difficli in attesa degli up date
Sebastian Vettel a colloquio con Mattina Binotto nel corso del test al Mugello Circuit la scorsa settimana

“In questi due primi appuntamenti dovremo cercare di sfruttare al massimo ogni opportunità. Qualche indicazione su dove saremo rispetto a noi stessi l’avremo al termine delle tre ore di prove libere di venerdì ma un primo verdetto ci sarà soltanto il sabato al termine delle qualifiche. Solo allora cominceremo ad avere un quadro un po’ più chiaro dei rapporti di forza in campo, senza contare le incognite che la prima gara del campionato si porta sempre dietro in termini di affidabilità e rendimento degli pneumatici sulla distanza. Dovremo cercare di essere impeccabili sotto ogni aspetto del nostro lavoro: nella preparazione di ogni sessione e nell’esecuzione in pista”. L’obiettivo per Mattia Binotto, in Austria, è semplice: Portare a casa il massimo possibile dei punti in palio, come sempre del resto”.

Ci attende dunque un inizio di quelli travagliati, da veri appassionati Ferrari. Red Bull e Mercedes da buoni giocatori di poker, saranno lì a cercare di non svelare subito le proprie carte, mentre la Ferrari pesca e fa all-in. Una giocata al buio senza precedenti.

Una ‘ricalibratura dell’intero programma‘ in corso d’opera è una cosa che non si vede certo tutti gli anni. Ma in questo pazzo 2020 non c’è nulla di normale. Senza lo stop sarebbe stato molto più complicato prendere una decisione simile. Diciamo che il lockdown in questo senso ha sicuramente offerto un’opportunità agli uomini di Maranello, i quali fortunatamente hanno deciso di non farsela sfuggire.


Autore: Marco Sassara@marcofunoat

Foto: Alessandro Arcari – @BerrageizF1 – Ferrari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui