Gp Bahrain 2020-FP2: Ferrari in sofferenza fuori dalla top ten…

0
Sebastian Vettel, Gp Bahrain 2020, SF1000

Gp Bahrain 2020-FP2: Ferrari in sofferenza fuori dalla top ten…


La seconda sessione inizia con le seguenti condizioni meteo: siamo al tramonto, temperatura pista 26°C, ambiente 26°C, umidità 46%. Pista asciutta. La maggior parte dei piloti decide di scendere in pista con gomme C3 prototipo 2021, solamente Giovinazzi e Norris iniziano l’attività pomeridiana con mescola Hard. Driver obbligati a dover compiere uno stint di almeno sei giri con questa mescola per fornire dei dati significativi alla Pirelli. Il duo Mercedes risulterà fanalino di coda al termine di questa prima fase, perché andrà ad usare dei set già adoperati al mattino e in più in simulazione di passo gara.

Molti piloti però, prima dello scadere dei 30 minuti decidono di montare un treno di gomme Medie (C3 2020) per ottenere dei riferimenti cronometrici più significativi. Verstappen balza al comando, seguito da Perez, Gasly e Kvyat. Guardando alla classifica di seguito, il crono che pone Vettel in sesta posizione è stato realizzato già con mescola Soft (con le Medie non era riuscito ad andare oltre l’1’31”223).

Gp Bahrain 2020-FP2: Ferrari in sofferenza fuori dalla top ten...
16:34

I piloti iniziano a montare omme Soft, ma purtroppo non tutti riusciranno ad ottenervi subito un giro cronometrato. Le cause sono le due bandiere rosse chiamate in causa alle 16:46 da Alexander Albon (perde il controllo dell apropria vettura in uscita dall’ultima curva mettendo fine alla propria sessione), e alle 17:00, due minuti dopo che la bandiera verde fosse tornata a sventolare, a causa di un cagnolino presente sul tracciato. Sotto, l’immagine della vettura di Albon a seguito dell’incidente. Con un contratto in bilico, di certo non un buon momento per commettere un errore simile.

Gp Bahrain 2020-FP2: Ferrari in sofferenza fuori dalla top ten...

Tornando a noi, di seguito la classifica alle 16:46, nel momento dell’esposizione della prima delle due bandiere rosse. In questo frangente quasi tutti i piloti avevano montato la mescola Soft, però non tutti erano ancora riusciti a concludervi un giro cronometrato, tra questi Verstappen (Medie), Kvyat (AlphaTauri) e Hamilton (Mercedes). Purtoppo non è il caso dei piloti della Ferrari, che migliorano i propri crono, ma non la prestazione complessiva. Vettel resta decimo, Leclerc tredicesimo. La verità è che nonostante, Mattia Binotto (intervenuto a ‘Sky Sport’ in video-call da Maranello durante le FP2) abbia confermato come nelle FP1 si sia lavorato più in ottica 2021, le due Ferrari, senza alibi per questa seconda sessione, pagano il fatto di montare il motore meno performante dell’intero schieramento. Non a caso, alle loro spalle troviamo solamente Haas, Alfa Romeo e Williams.

Gp Bahrain 2020-FP2: Ferrari in sofferenza fuori dalla top ten...
Classifica ore 16:45

La sessione terminerà con Lewis Hamilton al comando, che dopo aver verificato di non riuscire a ottenere un buon crono con il set di Soft rovinato dalle bandiere rosse, decide di montarne uno addizionale risultando il primo a scendere sotto l’1’29”. Verstappen e Bottas si confermano comunque vicini, sia in termini di passo gara che in qualifica. Ricordiamo che il tempo ottenuto da Max è stato fatto con gomme Medie, al contrario di Valtteri che ha utilizzato la Soft. Fattore che rende ancor più probabile un utilizzo della gomma a banda gialla nel corso delle Q2 di domani così da poterle utilizzare in partenza. La Rossa è subito rapida, ma perde prestazione rapidamente, mentre la gialla è comunque vicina e più consistente.

Gp Bahrain 2020-FP2: Ferrari in sofferenza fuori dalla top ten...
Classifica finale

La Ferrari nonostante la prestazione un po’ deludente sul giro secco, si riprende un po’ sul finale in termini di passo gara, ma non si può del tutto gioire anche su questo fronte. Con carico di carburante a bordo, Vettel e Leclerc hanno mostrato un comportamento troppo altalenante, però come detto, nelle fasi conclusive sono riusciti a replicare con entrambe le mescole al ritmo di Verstappen e delle Mercedes, il che rende la situazione molto difficile da giudicare. Si sono comportate molto bene anche Racing Point, Renault e AlphaTauri, ma prima di aggiungere altro vi rimando all’analisi delle libere che sarà fatta in seguito. La sensazione comunque è che si potebbe assistere ad un altro weekend in sofferenza per la squadra di Maranello.

Per il momento è tutto, appuntamento per domani alle 12:00 per assistere assieme alla diretta delle FP3.


AutoreMarco Sassara – @marcofunoat

Foto: Ferrari – F1

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui