Vettel-Monaco: i rischi necessari

La scarsa competitività della AMR21 ha sorpreso un po’ tutti. In negativo ovviamente. Le vetture avvolte dall’elegante British racing green dimostrano una palese difficoltà di messa a punto. Lo testimoniano i venerdì passati a modificare il set up, nella speranza, sino ad ora vana, di trovare un bilanciamento sufficientemente competitivo. “L’unica cosa che sembra essere cambiata per Sebastian è il colore della sua vettura”Ralf Schumacher non aveva tutti i torti quando, tra serio e faceto, dopo le prime sgambate stagionali aveva paragonato la situazione in Aston Martin a quella vissuta in Ferrari nel 2020. 

Il teutonico vive una verità scomoda. Un disagio che al momento non gli permette di esprimersi al meglio. Benché il feeling stia migliorando le critiche di certo non mancano. Dopo soli quattro round le sentenze condannano l’ex ferrarista. La fila dei detrattori aumenta, incapace di addurre spiegazioni plausibili per giustificare il momento no. A distanza di un mese l’ex pilota Williams torna sull’argomento VettelRalf è convinto che entro un paio di Gran Premi le performance del cittadino più famoso di Heppenheim debbano cambiare. Se così non fosse, un esame di coscienza per il trentatreenne urge.

“Nelle prossime gare Sebastian deve mettere dietro il compagno di squadra. Come quattro volte campione del mondo deve farlo. Se il suo rendimento non migliora e non dimostra di essere in grado di prendere per mano il team beh… forse tutto questo non ha ancora un senso. Ciononostante non siamo ancora arrivati a questo punto. Lasciamo passare qualche gara. Poi però i problemi di adattamento devono essere risolti.”

Vettel-Monaco
Sebastian Vettel, quattro volte campione del mondo di F1

Una considerazione interessante riguarda il tracciato monegasco. Sebbene ogni piccola distrazione può essere fatale, Monaco è una di quelle piste dove il valore del pilota può ancora nettamente emergere. E qui arriviamo al punto. Sappiamo bene quanto la confidenza con il mezzo meccanico sia fondamentale lungo le stradine del Principato. Per averla altissima, oltre al feeling con la monoposto, il bilanciamento meccanico deve sposare a menadito le caratteristiche del circuito. Proprio per questa ragione vantaggi e conseguenze negative convivono.

“Soprattutto a Monte Carlo puoi fare la differenza come pilota”, chiarisce il fratello del sette volte campione del mondo di F1. “Ciò malgrado trattasi di una linea molto sottile. Avere a disposizione una vettura meno competitiva complica non poco la faccenda e spinge un corridore a prendere più rischi…”

Il prossimo week end Vettel ha l’occasione per dimostrare che il suo valore come pilota resta alto. Per farlo, guidando “sopra” la vettura, dovrà inevitabilmente alzare le probabilità di errore…


AutoreAlessandro Arcari – @BerrageizF1

foto: Aston Martin

Related Articles

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

3,584FansLike
1,032FollowersFollow
4,079FollowersFollow

Meteo Prossimo GP

Istanbul
cielo sereno
15.1 ° C
16 °
14.8 °
82 %
1.5kmh
0 %
Gio
16 °
Ven
19 °
Sab
19 °
Dom
16 °
Lun
15 °
- Advertisement -

Latest Articles

- Advertisement -
Change privacy settings