Come funziona il giocattolo della Formula 1?

Cosa sono gli acronimi FIA, FOM, FOG, LM etc etc? Dire F1, in realtà significa molto o significa nulla. Nel senso che nel corso degli anni, a partire dal primo gran premio che ha dato il via al campionato mondiale (Silverstone, 13 maggio 1950, vinto da Nino Farina per la Alfa Romeo) pomposamente autodefinito proprio dagli stessi “proprietari” del Circus (fra poco ci torniamo) “the pinnacle of motorsport”. Più o meno potremo tradurlo con: il vertice, la punta di diamante del motorsport.

E’ come se qualcuno, guardandosi allo specchio, dicesse: “Anvedi quanto sono figo e bello”; ma questa ovviamente è una mia considerazione. Comunque, per farla breve, la F1 è un campionato mondiale che si svolge su piste con caratteristiche differenti fra di loro (non ovali attualmente, anche se nulla lo vieta, per quel che mi è dato sapere) e che vede gareggiare monoposto a ruote scoperte con diversi fornitori di motori e diverse scuderie che si costruiscono da sé i telai e tutte le parti che compongono la monoposto.

In realtà la F1 è come una chimera con due teste: FIA e FOG. La prima è acronimo di Fédération Internationale de l’Automobile (la denominazione francese è quella ufficiale), non credo sia necessario tradurlo, che ha sede a Parigi, al numero 8 di Place de la Concorde. La FIA è rappresenta circa 240 Automobile Club di 144 paesi del mondo, circa 80 milioni di automobilisti. E’, a livello mondiale, l’ente più grande, ma non l’unico, che regolamenta moltissimi (non tutti) sport motoristici.

F1
Gp Abu Dhabi 2021: Carlos Sainz (Scuderia Ferrari) in pista con la SF21 a Yas Marina

Negli Usa, ad esempio, viene riconosciuta, ma ci sono altri enti che “gestiscono” altri campionati, ad esempio quello di Formula Indy (la cui gara più rappresentativo è la 500 miglia di Indianapolis) campionato di vetture a ruote scoperte come la F1, con tappe solo in Usa ma che rispetto a questa ha telai uguali per tutti (attualmente Dallara) e due soli fornitori di propulsori (attualmente Honda e Chevrolet).

La FIA è l’ente regolatore della F1 e di moltissimi altri campionati (F2, F3, Campionato Endurance e prototipi, dove spicca la leggendaria 24 ore di Le Mans). E’ cioè l’ente che certifica la regolarità di gare, monoposto, campionati mondiali e relativi albi, stilando un regolamento sportivo e uno tecnico a cui i concorrenti devono ovviamente sottostare.

Sempre la FIA stabilisce come e in quale modo i partecipanti possono appellarsi per le decisioni che si ritengono errate da parte del collegio dei commissari (per ogni gara di F1 il collegio cambia) o del direttore di gara (che invece è sempre lo stesso per ogni gara, attualmente Michael Masi, che ha presto il posto di Charlie Whiting, scomparso prematuramente nel 2019).

F1
Michael Masi, direttore di gara

A seguito dei fatti di Abu Dhabi sono in molti ad interrogarsi sul “chi controlla il controllore”, cioè sul fatto che la FIA “balli da sola”, cosa comunque assai comune per le federazioni sportive e su cui magari torneremo con un altro articolo.

Diciamo subito la nostra: sarebbe meglio avere enti terzi che deliberino autonomamente in caso di controversie, secondi i dettami di Montesquieu (noto illuminista francese vissuto nel diciottesimo secolo), teorizzatore della separazione dei tre “poteri” fondamentali di uno Stato liberale (esecutivo, legislativo, giudiziario) per un suo ottimale funzionamento. Poteri o funzioni fra di loro necessariamente indipendenti e autonomi. Separazioni che, almeno per il giudiziario non esistono in seno alla FIA, ma il discorso si che si potrebbe ben applicare in generale alle strutture/federazioni sportive.

Il regolamento sportivo è quella serie di norme che dicono come piloti e scuderie “devono comportarsi” e come l’evento in sé, dalle qualifiche alla gara, deve “funzionare”. Poiché tale regolamento prevede anche le eventuali sanzioni sia per il comportamento di piloti e scuderie, sia per il mancato rispetto del regolamento tecnico (dimensioni alettoni, particolari elettrici e elettronici, gestione PU etc etc) ha una parte in cui vengono richiamati i parametri a cui devono sottostare le monoposto, che poi troviamo dettagliati nel regolamento tecnico.

E, appunto, il regolamento tecnico è invece quella serie di norme che dicono come devono essere le monoposto per essere conformi in tutte le loro componenti e a quali norme di sicurezza devono sottostare. Nel 2022, ad esempio, il regolamento sportivo resterà più o meno lo stesso, mentre quello tecnico, nelle parti relative alle monoposto, cambierà radicalmente, restando invariata la sua parte legata alla sicurezza.

F1
Red Bull Racing

Le omologazioni dei circuiti sono invece appannaggio di un altra serie di regole sempre emanate dalla Fia. Che ruolo ha Stefano Domenicali in tutto ciò? Lui fa parte della seconda testa di cui parlavamo, la FOG. E’ il presidente della Formula Uno. Ma se vogliamo essere più precisi è il presidente e amministratore delegato della FOG, acronimo di Formula One Group, l’ente che si occupa di tutto l’aspetto organizzativo riguardante la F1, compreso l’aspetto mediatico e gli introiti derivanti da dalla vendita dei diritti televisivi (e non solo quelli, ci arriviamo).

A questo punto è necessario citare il cosiddetto “Patto della Concordia”, di cui forse avrete sentito parlare (l’ultimo è datato 2020 scadrà nel 2025, il primo 1981, anche cui potremmo dedicare un articolo specifico). Si chiama così perché il primo patto fu firmato presso gli uffici della FIA, presso Place de la Concorde, a Parigi.

Si tratta di un accordo commerciale, tramite il quale viene regolata la partecipazione delle Scuderie al Campionato Mondiale di Formula 1 e il trattamento economico delle stesse all’interno della competizione, secondo quanto organizzato dalla Formula One Management, società facente parte del Formula One Group. In pratica, tramite questo patto si decide quanti soldi restano alla FOG, quanti alla FIA, e quanti vengono distribuiti fra i vari team che partecipano al mondiale di F1, in base alla classifica finale (sia nelle classifiche piloti e costruttori) alle gare vinte, al palmares etc etc.

Non si conoscono tutti i dettagli di questo patto. Un importante organismo definito dal Patto della Concordia è la Formula One Commission, che si dovrebbe riunire regolarmente per tutti gli aspetti organizzativi, ma non solo della F1. Le decisioni vengono poi ratificate dagli organi della FIA, il World Motor Sport Council e l’Assemblea Generale. La Federazione può decidere autonomamente solo per necessità legate alla sicurezza.

F1
Stefano Domenicali, presidente e amministratore delegato del Formula One Group

La commissione ha 26 membri: il detentore dei diritti commerciali, Stefano Domenicali per Formula One Management (arriviamo fra poco anche a questa struttura); il presidente della FIA; I “Team Principal” dei 10 team firmatari; 4 organizzatori di Gran Premi europei; 4 organizzatori di Gran Premi extra-europei; 2 rappresentanti degli sponsor, rappresentante fornitori pneumatici (attualmente Pirelli);1 rappresentante fornitori motori (Mercedes, Ferrari, Renault, Red Bull/ex Honda).

Il sistema di ripartizione del denaro alle scuderie prevede una parte derivata dalla classifica costruttori e un’altra legata ai bonus storici. A questi solo la Ferrari può sommare un “extra” (stabilito alla firma del Patto della Concordia) come riconoscimento per la sua partecipazione a tutte le edizioni del campionato. Questa somma viene quantificata in base al denaro da suddividere ai team: se resta sotto il miliardo di dollari si attesta al 5%, sale al 6% tra 1 e 1,05 miliardi, poi all’8% tra 1,05 e 1,1 miliardi, sino al 10% oltre gli 1,1 miliardi.

La Ferrari, sempre per il patto della Concordia, ha il diritto di veto. Vale a dire che può opporsi a tutte le decisioni prese nel mondo della F1, a meno che non si tratti di decisioni prese in materia di sicurezza.

Piccolo esempio: pur essendo arrivata terza nel mondiale costruttori 2021, grazie al bonus la scuderia di Maranello resta quella che riceverà più denaro da Liberty Media, sopravanzando di 5 milioni di dollari i campioni del mondo della Mercedes, al top per i premi stagionali e storici.

F1
Scuderia Ferrari, Maranello

Ritorniamo alla FOG, Formula One Group. Ha diverse controllate, diverse società che sono sue emanazioni: La Formula One Promotions and Administration, Formula One Management (nota con l’acronimo Fom), Formula One Licensing BV.

La FOM provvede agli investimenti parziali su circuiti e scuderie (se queste ultime ad esempio sono in difficoltà economiche) per portare la F1 ad essere sempre più popolare. La stessa FOM mantiene i diritti commerciali sui nomi delle scuderie, il logo ufficiale della F1 e tutti i contenuti dei media che riguardano la massima serie automobilistica.

Inevitabilmente tutto ciò che riguarda gli eventi della Formula 1 deve essere concordato con la FIA. Attualmente il Formula One Group, che ha in pancia tutte queste controllate, appartiene a Liberty Media.

Che cosa è Liberty Media? E’ un’azienda di mass media statunitense (presidente John C. Malone, che ne detiene la maggioranza delle azioni nel consiglio di amministrazione).

Oltre alla Formula 1, acquistata ufficialmente il 7 settembre 2016, LM è proprietaria del gruppo di stazioni radiofoniche SiriusXM e della squadra di baseball Atlanta Braves.

Prima di LM, si può dire, semplificando molto, che tutto ciò che riguardava l’aspetto organizzativo e gli sponsor, lo sfruttamento del marchio F1 e i rapporti con i media era sotto il controllo di Bernie Ecclestone. Lo stesso Bernie è stato il vero e proprio ideatore di questa parte della F1. E magari in futuro scriveremo di questa storia, che è molto interessante, non solo per il discorso “segui i soldi” ma anche per il duro scontro che oppose Federazione e enti controllati da Ecclestone, passato alla storia come guerra FISA-FOCA.

F1-Autore: Mariano Froldi@marianofunoat

Foto: F1, Ferrari, Red Bull

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

3,584FansLike
1,032FollowersFollow
5,664FollowersFollow

Meteo Prossimo GP

Montréal
cielo coperto
19 ° C
20.7 °
16.5 °
70 %
3.1kmh
100 %
Mar
18 °
Mer
24 °
Gio
25 °
Ven
23 °
Sab
23 °
- Advertisement -

Latest Articles

- Advertisement -
Change privacy settings