domenica, Maggio 19, 2024

F1|Mercedes, svelato il test di Suzuka: migrazione del balance al retrotreno. Operazione palliativa

F1: Mercedes ha realizzato una marea di test importanti a Suzuka sulla W15. Per tal ragione, sebbene in un primo momento il team principal della scuderia tedesca Wolff doveva restare in Europa, alla fine ha deciso di presidiare il garage per sostenere ingegneri e piloti. Un momento assai delicato per la scuderia pluripremiata che purtroppo, da fine 2021, sta vivendo un momento assai delicato. L’insourcing messo in atto da Red Bull ha “falcidiato” il gruppo di lavoro.

Per voce dello stesso Toto la Stella a Tre Punte non era per nulla preoccupata, definendo peraltro “uomini di contorno” i rinforzi che hanno preso la strada di Milton Keynes. In realtà le cose sono andate in maniera un po’ differente. Chiariamo subito un fatto: Mercedes resta un team molto forte e preparato. Tuttavia l’appeal tecnico è venuto meno e le mancanze che si pensava potessero essere coperte da nuove leve restano tali. La F1 è piena zeppa di queste storie perché alla fine dei conti un ciclo vincente, per quanto maestoso e ampio (7 titoli piloti e otto costruttori consecutivi), prima poi volge al termine per varie ragioni.

Una di queste senza dubbio la forza di Red Bull che prima di assestare il colpo di grazia al team di Brackely, ha pensato bene di “scipparlo” un po’ per rendere più effettiva la portata del suo attacco. Per il resto ci ha pensato la stessa squadra tedesca ad auto infliggersi il colpo di grazia con l’impostazione “zero pod”. Un contesto iperuranico solamente sulla carta. Un’impostazione che a livello potenziale poteva annichilire la concorrenza se amministrato nella giusta maniera. Ma le cose non sono andate nel verso giusto, lo sappiamo. La “presunzione tecnica” capeggiata da Mike Elliott ha fatto cilecca e il rumore del grande tonto fa eco all’interno del paddock ancora adesso.

F1 Mercedes
Toto Wolff, team principal e co- proprietario di Mercedes AMG F1 Team

Per il resto vale la pena sottolineare un fatto prima di far partire una disamina tecnica sul momento attuale della Mercedes in F1. Ci riferiamo al mero aspetto psicologico nel quale Mercedes sembra essere sprofondata sino al collo. Abitare le fila dei disillusi per troppo tempo ha indebolito a livello psicologico il team che sebbene promette impegno e tanta speranza, a dire il vero pare più perso che mai. Un modo d’essere che inevitabilmente nutre gli insuccessi che si susseguono striscianti da oramai tre campionati del mondo. serve come il pane un’inversione di marcia mentale ancor prima che tecnica.


F1|Mercedes: stabilizzare una vettura problematica non porta lontano

F1: Gran Premio del Giappone 2024, quarto round della campagna agonistica 2024. L’obiettivo di Mercedes era quello di mettere in atto una serie di test sul campo per accrescere il know how sulla W15. Provvedimento necessario per aumentare il campo conoscitivo sulla vettura e di riflesso sapere come comportarsi. A margine dell’evento nipponico, però, il mero risultato porta a una triste conclusione perché, a Suzuka, Mercedes ha fatto le nozze con i fichi secchi. Pretendere di fare qualcosa di molto importante senza però disporre dei mezzi adeguati per realizzarla significa, in parole povere, farla male.

Il riassunto del week-end numero 4 di F1 con estrema proprietà di sintesi necessità qualche informazione di più. Anzi tutto la sospensione posteriore resta un grattacapo che al momento pare insormontabile. Uno schema, quello push-rod, che presenta una cinematica inedita rispetto alla scorsa annata ancora in fase di studio. Un po’ come succedeva a Ferrari nel mondiale 2023 la vettura pare bizzosa e spesso, quando le pare, assume atteggiamenti inspiegabili essendo sensibilissima a parecchi fattori. Il primo test che Mercedes ha voluto fare nella terra del Sol Levante riguarda appunto il tema meccanico.

Secondo le informazioni raccolte dalla nostra redazione, supportate dalla dinamica del veicolo andata in onda in Giappone, il pool di ingegneri di F1 diretti dall’ex ferrarista James Allison ha deciso di irrigidire il front-end, ottenendo di riflesso una migrazione del balance verso il retrotreno che offre più grip. Il target era chiaro: conferire una maggiore aderenza limitando per quanto possibile i micro pattinamenti nocivi, per contenere le temperature e limitare il degrado delle gomme. Tuttavia le manovre suddette non hanno funzionato, in quanto l’eccessivo surriscaldamento dell’asse alle spalle dei piloti ha fatto presenza.

F1 Mercedes
George Russell impegnato con la Mercedes W15 a Suzuka

Si tratta di una problematica che non sorprende in questo primo stralcio di campionato, poiché la W15 possiede un retrotreno troppo leggero e non in grado, in questo momento, di seguire a dovere l’anteriore durante la percorrenza delle curve. Caratteristica dell’handling Mercedes emersa sin dalle prime sgambate in Bahrain, durante i pre-season test di F1. Le frecce nere e grigie parevano abbastanza stabili nello snake presente nel primo settore del tracciato nipponico, ma le velocità minime a centro curva erano decisamente inferiori, a quelle dei competitor, in gara con alto quantitativo di carburante a bordo. Mentre nei tratti guidati più lenti la situazione era tuttavia peggiore.

Sebbene una certa costanza nei tempi ha fatto presenza, stabilizzare la piattaforma aerodinamica della vettura ha di fatto reso più lente le due Mercedes. Senza dubbio cercare di lenire le perdite di carico e consolidare la guidabilità è molto utile ai piloti, in quanto fornisce più fiducia e permette di spingere. Tuttavia, se così facendo le prestazioni raggiungibili diminuiscono, a poco serve la “serenità” mostrata da Toto Wolff relativa alla stabilità palliativa della vettura. Un provvedimento fine a se stesso che non risolve la spinosa faccenda. Urgono up-date che possano cancellare i problemi, perché ottimizzare la guidabilità della W15 andando più lenti non porta a nulla di buono.


Autore:  Alessandro Arcari – @berrageiz

Immagini: Mercedes AMG F1 Team

Articoli Collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Collegato

3,584FansMi piace
1,032FollowerSegui
7,558FollowerSegui
- Advertisement -

Meteo Prossimo GP

Miami
nubi sparse
33.2 ° C
37.2 °
31.1 °
74 %
6.7kmh
40 %
Sab
33 °
Dom
32 °
Lun
34 °
Mar
30 °
Mer
29 °
- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -
Change privacy settings