giovedì, Luglio 18, 2024

F1, GP Monaco Fp1: Ferrari incontra l’handling ottimale. Front-end solido

Ferrari è pronta per questa prima sessione di F1 a Monaco. Test importanti andranno in onda, considerando che ogni singolo run delle libere risulta fondamentale nella ricerca della messa a punto ideale. Set-up che al simulatore ha dato ottimi riscontri ma ovviamente, come sempre, malgrado la rossa quest’anno sia sempre partita molto bene quando abbandona la pit-lane, attende le consuete conferme. Il Cavallino Rampante arriva a Monte Carlo con un preciso obiettivo: fare la pole position domani e di riflesso candidarsi come vettura numero 1 per vincere la corsa.

Il target parte dal presupposto che superare tra le stradine del Principato è praticamente impossibile in gara. Nella prima sgambata del venerdì verrà messa sotto esame la nuova versione di ala posteriore della SF-24 EVO. In F1 ogni piccola modifica può fare tanta differenza. In questo caso parliamo di una specifica per massimizzare il carico aerodinamico generato dalla deportanza. Provvedimento che unitamente alla migrazione del carico al retrotreno offrirà tanto grip al posteriore. Tutto è pronto per scendere il pista, con i “due Carlo” che a bordo delle loro vetture attendono solamente il semaforo verde.

F1 Ferrari
la Ferrari SF-24EVO all’interno del garage – GP Monaco 2024

F1, Ferrari studia l’assetto scelto al simulatore con le gomme Hard

Per questo primo run, le due vetture italiane scendono in pista entrambe con le mescole Hard. Con le Pirelli a banda bianca, la volontà di tecnici e piloti è quella di studiare al meglio il rendimento della vettura in base all’assetto scelto per Monaco. Il cambio è settato sulla posizione GX3. Arrivati alla Rascasse si passa alla modalità race e si inizia a spingere. Nel primo tentativo c’è ovviamente tanta prudenza per non commettere errori sciocchi. Tagliato il traguardo i ferraristi non alzano il piede dall’acceleratore. Al contrario continuano a testare la SF-24 EVO senza far “respirare” le mescole.

Gli ingegneri di pista offrono tanti consigli su come ottimizzare il rendimento nelle varie curve. Come detto una sorta di mini stint con un certo quantitativo di carburante a bordo per capire l’handling della vettura. A tal proposito, possiamo dire che il balance pare ancora un volta molto buono. Nonostante la pista sia senza dubbio molto complicata da interpretare anche in considerazione dei vari bump presenti, le correzioni sono davvero minime al momento. Carlos prende un po’ di traffico alla tornata 4 e decide alzare il piede prima di tornare a spingere.

F1 Ferrari
Charles Leclerc (Scuderia Ferrari) a bordo della SF-24 EVO Fp1 – GP Monaco 2024

In tale contesto competitivo si sta altresì provando la nuova configurazione sul sistema ibrido, necessaria per massimizzare la trazione. Stessa cosa per il sistema DRS che viene usato a giri alternati. Alla metà di questo run un poco di sovrasterzo si è palesato ma nulla che non possa essere controllato. Mentre in radio sentiamo Verstappen lamentarsi parecchio del front-end, fattore che abbiamo anticipato nelle nostre consuete analisi del pre fine settimana, possiamo dire che l’anteriore della SF-24 EVO risulta molto solido. Sainz sembra più calmo del compagno di squadra che invece sta spingendo parecchio, in ogni curva, senza badare troppo ai guard rail. Lo fa talmente tanto che alle piscine perde il posteriore.

Per fortuna il monegasco riesce a controllare la monoposto e tutto si conclude con un leggero “spavento”. Charles non si fa certo condizionare da questa situazione e torna a spingere di immediato. Poco dopo arriva per i due ferrarista un passaggio di cool down, necessario per raffreddare non solo le gomme ma tutte le componenti interne della monoposto. In questa fase il rendimento delle F1 è molto ravvicinato con Ferrari, Red Bull, McLaren e Mercedes che a turno ricalcano gli stessi tempi. Dobbiamo ribadire la bontà della messa a punto che al momento soddisfa appieno gli alfieri della rossa. Dopo circa mezz’ora spesa al massimo in queste Fp1 si alza il piede e si torna ai box.

F1, Ferrari passa alle medie e si conferma. Front-end solido e in temperatura

I commenti dei piloti sono molto positivi sino ad ora. Nessun piccolo aggiustamento di carico o ritocco sospensivo, perché la SF-24 EVO fa esattamente quello che ci si aspettava. Buona notizia, quindi, che però va confermata nella seconda parte della sessione. Il programma prevede quindi altri run, questa volta cole gomme Medium, a quanto pare. Una pausa di circa 5 minuti e la vettura numero 16 torna a calcare l’asfalto. In questo caso, con una gamma di compound più morbidi, Ferrari testerà le vetture in maniera differente. Per il resto si cerca di riprodurre il medesimo feeling con la Hard e confermare le sensazione ottime ricevute con le Pirelli a banda bianca.

Qualche minuto più tardi è la volta di Sainz. Lo spagnolo tarda qualche minuto in più perché rispetto al compagno di squadra aveva scelto di realizzare una tornata in più, nel primo run. Il traffico è sempre un bel grattacapo a Monaco, un tracciato di F1 che non ha fisicamente spazio e gli stesso piloti che rallentano fanno davvero fatica a mettersi da parte. Con le mescole medie oltre i due giri push consecutivi non si va. Con gli pneumatici in questione l’handling cambia leggermente e di riflesso i provvedimenti legati alle frenate e la rotazione della SF-24 EVO gestita in parte dal differenziale a centro curva.

F1 Ferrari
Carlos Sainz (Scuderia Ferrari) – a bordo della SF-24 EVO – Fp1 – GP Monaco 2024

Charles sente qualcosa di strano alla vettura giusto nel centro della vettura. Il tutto deriva dai detriti della Stake che alla Santa Devota, in curva 1, sono stati centrati in pieni da Leclerc. Per questo chiede un check al fondo. Bozzi suggerisce di passare dai box dove i controlli saranno rapidi ma accurati. Nemmeno il tempo di decelerare e arriva la red flag per pulire la pista. Nel mentre il quesito sul possibile ritocco all’ala anteriore che però non è necessario. Le prove libere riprendono nel giro di pochi minuti e tutto sembra perfetto sulla monoposto del ferrarista.

Il programma riprende con un paio di tornate per ribadire la bontà del setting e acquisire ulteriore fiducia. Vale la pensa considerare che i riscontri sui riferimenti cronometrici non hanno interessato troppo il team di Maranello nelle Fp1. L’obiettivo era quello di costruire tanta fiducia e appunto validare l’assetto. Una raccolta dati effettiva che rispetta appieno le idee dei tecnici sulla SF-24 EVO. Primo tassello posto per la Ferrari che rispetta i piani lavorativi con massimi voti, in attesa di scendere in pista nella sessione pomeridiana. Considerazione a margine: il front-end non ha alcun problema a prendere le temperature corrette e mantenerle. Caratteristica mica da ridere a Monaco


Autore: Alessandro Arcari – @berrageiz 

Immagini: Scuderia Ferrari – F1TV

Articoli Collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Collegato

3,584FansMi piace
1,032FollowerSegui
7,558FollowerSegui
- Advertisement -

Meteo Prossimo GP

Budapest
poche nuvole
33.6 ° C
35.8 °
33.3 °
45 %
3.6kmh
20 %
Gio
35 °
Ven
35 °
Sab
30 °
Dom
32 °
Lun
33 °
- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -
Change privacy settings